La Liegi è di Fuglsang: ottimo secondo posto per Formolo

Domenica 28 Aprile 2019 di Francesca Monzone
Jakob Fuglsang esulta sul traguardo della Liegi-Bastogne-Liegi
Il danese Jakob Fuglsang (Astana) in solitaria ha conquistato la Liegi-Bastogne-Liegi, ultima corsa del Trittico delle Ardenne. Al secondo posto con 26” di ritardo il giovanissimo Davide Formolo (Bora-Hansgrohe), che dopo il settimo posto dello scorso anno è riuscito a ottenere un piazzamento importante in questa corsa  e il miglior risultato in carriera. Con Formolo l’Italia torna sul podio della Doyenne dopo il secondo posto di Nibali e il terzo di Gasparotto nel 2012. Il tedesco Schachmann (Bora-Hansgrohe) ha vinto la volata per il terzo posto davanti ad Adam Yates (Mitchelton-Schott) e Woods (EF Educational First). Ottima prestazione di Vincenzo Nibali che ha chiuso in ottava posizione dopo essere stato sempre nel gruppo dei migliori. 
La corsa è esplosa a 15 chilometri dal finale quando Fuglsang ha attaccato sulla Cote Roche aux Faucons, per evitare un finale in volata. Con il danese sono rimasti solo Formolo e Woods. Mentre dietro Alaphilippe, il grande favorito per la vittoria, ha alzato bandiera bianca. Tra i ritiri di giornata da segnalare quello del campione mondiale Alejandro Valverde (Movistar), dopo 100 chilometri di corsa. 
A dieci chilometri dal traguardo di Liegi il danese è rimasto solo con Formolo staccato di 30 secondi e più indietro il gruppetto di contrattaccanti con Nibali. Gli ultimi chilometri non hanno visto ulteriori sorprese, con Fuglsang che da solo ha vinto la sua prima classica monumento, seguito a distanza dal nostro Formolo e dal tedesco Schachmann. 
Il danese dopo tanti piazzamenti in questo 2019, tra cui il secondo posto alla Freccia Vallone e Strade Bianche e il terzo alla Amstel Gold Race, è riuscito a prendere la vittoria di una grande classica. 
Soddisfazioni per l’Italia grazie a Formolo, il giovane corridore della Bora-Hasgtohe che  grazie a questo risultato può considerarsi uno specialista delle corse di un giorno. “L’anno scorso ero andato vicino al podio - ha commentato Formolo - e ora ci sono salito. Mi dispiace per non essere rimasto sulla ruota di Fuglsang ma era fortissimo. Questa è la corsa che mi piace di più, è la mia preferita e un giorno riuscirò a vincerla”. 
Soddisfatto Vincenzo Nibali che dopo il podio al Tour of the Alps, sta dimostrando di essere uno dei corridori più brillanti per il Giro d’Italia. “Il finale è stato difficile - ha detto il siciliano -  la corsa si è accesa dove non lo aspettavamo. L’ultima cote andava presa in testa e io sono rimasto nel gruppo dei migliori. Poi Fuglsang ha accelerato e io mi sono seduto con Alaphilippe. Io mi sono rialzato ma questo finale veramente è stato difficile. Freddo, pioggia e 250 chilometri di corsa non sono facili e io sono soddisfatto del risultato”.  Ultimo aggiornamento: 17:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma