La bandiera olimpica sbarca a Malpensa. Inizia il viaggio verso Milano-Cortina 2026

La bandiera a olimpica a Malpensa con Amos Mosaner, Francesca Lollobrigida, Arianna Fontana e Federica Brignone
di Sergio Arcobelli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 21 Febbraio 2022, 13:58 - Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio, 10:23

E' sbarcata all'aeroporto di Malpensa dopo 10 ore di volo, la bandiera a cinque cerchi. Il primo sulla scaletta a sventolarla è stato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, insieme al sindaco di Cortina, Gianpietro Ghedina, i due primi cittadini della rassegna italiana della neve che sarà ospitata dal 6 al 22 febbraio 2026. «Ci sono le fasi delle celebrazioni e quella del lavoro. La celebrazione è stata emozionante, ma ora inizia la fase più importante, che è la parte operativa. Dobbiamo preparare una straordinaria edizione e dobbiamo lavorare tutti insieme». In una sala dello scalo c'erano quattro azzurri presenti - Arianna Fontana, Francesca Lollobrigida, Amos Mosaner e Federica Brignone - ha aggiunto: «Ci auguriamo ci siano ancora nel 2026». In prima fila il presidente del Coni e a capo del comitato organizzatore, Giovanni Malagò, che ha ringraziato tutti quanti si sono adoperati ieri a Pechino per mostrare al mondo una bellissima immagine dell'Italia. E ha spiegato: «C'è piena consapevolezza del senso del dovere da parte di dirigenti, management, azionisti, stakeholder. Oggi più che mai questa consapevolezza di responsabilità deve essere molto chiara e forte, perché abbiamo gli occhi del mondo addosso. Il Cio è entusiasta di quello che abbiamo fatto vedere alla cerimonia di chiusura e c'è voglia degli sport invernali di tornare nella nostra vecchia cara Europa».

Video

Tra gli atleti d’oro, c’era l'olimpionico del curling Amos Mosaner: «Non voglio mettermi pressioni adesso, perché non sarà facile difendere l'oro, ma mi farò trovare pronto». La regina del ghiaccio Arianna Fontana, diventata l’atleta italiana più medagliata dei Giochi, ha dichiarato: «In questa olimpiade di Pechino noi atleti abbiamo provato tantissime emozioni, magari qualcuno si aspettava qualche risultato in più, credo anche io che siamo stati sfortunati, potevamo portare qualche medaglia in più, è stata Olimpiade emozionante per tutti, per gli italiani che si sono fatti sentire anche se non erano lì. La loro spinta ha fatto la differenza. So già che tanti atleti non vedono l’ora di venire in Italia per l’Olimpiade di Milano-Cortina. Senza mettere pressione a nessuno si aspettano tanto. Sono sicura che daremo il meglio e sarà un’olimpiade storica». È tornata in Italia con due medaglie Federica Brignone: «Cosa ricorderò? Il freddo di Yanqing, le due gare delle medaglie, nonostante le difficoltà e le diversità a quelle a cui avevo partecipato, c’è stato spirito di condivisione. È un onore per noi avere Olimpiadi in casa, tornare sulle Alpi è qualcosa di fantastico. Sarà un trampolino di lancio per il nostro paese e un orgoglio per tutti gli atleti che gareggeranno su posti così belli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA