Jacobs annuncia lo stop su Instagram: «Tornerò in gara nel 2022»

Jacobs annuncia lo stop su Instagram: «Tornerò in gara nel 2022»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 12 Agosto 2021, 16:45 - Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 12:11

Marcell Jacobs si riposa. Dopo i due ori a Tokyo 2020 nei 100 metri e nella 4x100, è lo stesso centometrista che ha annunciato via social che la sua stagione è finita: a un suo follower che, su Instagram, gli ha chiesto «Prossimo appuntamento per poterti rivedere in gara?», l'olimpionico ha risposto con l'emoji di una clessidra seguita da un laconico «2022». Jacobs avrebbe dovuto correre il 21 agosto in Oregon, a Eugene, nel Prefontaine Classic, tappa di Diamond League, ma i problemi alla cartilagine di un ginocchio, di cui aveva parlato già a Tokyo, e il fatto che stia ancora smaltendo il fuso orario del Giappone gli hanno consigliato di fermarsi.

Jacobs, tutte le gare che salterà

Niente meeting della Diamond League a Eugene, la "casa" del suo sponsor Nike, dicevamo. Marcell Jacobs, salterà quindi le possibili presenze anche nelle riunioni di settembre a Bruxelles e a Zurigo, con relativi ricchi ingaggi. L'olimpionico preferisce fermarsi e fare il punto della situazione con il suo manager Marcello Magnani, arrivato a Roma proprio per discutere del futuro del suo assistito, che si annuncia comunque ricco di opportunità per chi ha appena vinto l'oro dei 100 e nella staffetta alle Olimpiadi.

Oltretutto ieri Jacobs si è concesso una sgambata al "Paolo Rosi", la prima dopo il rientro da Tokyo e i festeggiamenti in un locale di Ponte Milvio e in un altro in pieno centro di Roma (molto amato anche dai calciatori giallorossi), durante la quale ha verificato che persistono quei problemi alla cartilagine di un ginocchio di cui aveva parlato dopo il successo nella staffetta. Ecco quindi che, essendo Marcell un perfezionista e sentendosi
anche un po' scarico dopo le fatiche e le emozioni olimpiche, ha preferito dare forfait piuttosto che rischiare brutte figure nel meeting della "casa madre" e nella città che l'anno prossimo ospiterà i Mondiali (e che rispetto all'Italia è nove ore indietro, quindi con altri problemi di fuso orario di cui tenere conto) e poi su ribalte prestigiose come il "Van Damme" e quella di Zurigo.

Il tecnico Paolo Camossi è stato d'accordo con lui ed è stato deciso di rimandare tutto al 2022, anno in cui l'olimpionico, come ha anticipato sull'aereo che lo stava riportando in Italia, si cimenterà un paio di volte anche sui 200 metri «tanto per vedere come va».
Ma è chiaro che Jacobs ha già nel mirino i Mondiali di Eugene, dove vuole andare a ribadire in faccia agli americani, che hanno messo in dubbio la sue prestazioni, che il migliore è lui, l'azzurro nato in Texas ma italiano al 100%.

Intanto si godrà il Gp d'Italia a Monza, dove è stato invitato. La Formula Uno è, insieme al basket Nba, la sua passione di tifoso, e un'occasione così non poteva lasciarsela sfuggire. E magari l'anno prossimo ci scappa pure l'occasione di vedere i Lakers o i Brooklyn Nets dal vivo.

 
Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA