Italia-Camerun è un 3-0 semplice, con Piano e Russo centrali

Venerdì 9 Agosto 2019 di ​Vanni Zagnoli
Alla fine è facile la prima dell’Italia nel preolimpico ospitato dalla federazione per qualificarsi per Tokyo. Speso complessivamente mezzo milione di euro, compreso Catania, si spera di bissare il pass al primo colpo ma è dura.

A Bari, il Camerun è al completo, sono arrivati anche i ritardatari, per un problema aereo. Regge sull’8-6, anche sul 16-12, con un discreto cambio palla, si allontana sul 25-17. Juantorena è in serata, aveva chiuso con la nazionale, è ritornato per giocare la sua seconda olimpiade; bene in attacco anche Lanza, Zaytsev passa raramente ma non è indispensabile. Sono all’altezza i centrali Piano, al ritorno da titolare, e Roberto Russo, palermitano debuttante in grande manifestazione. Va meno bene il secondo parziale, con gli africani avanti per 8-6 e raggiunti a quota 9. Fisicamente sono all’altezza, la nostra nazionale attacca con pazienza, avanza con Juantorena alla battuta. Il match è molto più equilibrato rispetto al 3-0 femminile sul Kenya, del resto l’Italia non era arrivata alle finali di Nations league. Due muri di Matteo Piano evitano i rischi di rimonta, sul 21-17 è già fatta, si chiude a 18, con l’attacco di Giannelli. 

I rossoverdi provano a resistere anche nel terzo, sul 15-10 il match è segnato, tantopiù sul 20-12, con Anzani al posto di Russo e anche l’ingresso di Nelli per un turno in battuta. E’ 25-16 (ultimo punto di Lanza) e 3-0.

Nella prima gara, Serbia-Australia 3-1, per 26-28, 25-19, 25-19 e 32-30, dunque gli oceanici sono competitivi, in fondo anni fa avevano inferto una sconfitta umiliante, al ct Berruto. Saranno gli avversari degli azzurri nella seconda giornata, da vincere per giocarsi la qualificazione domenica, con i serbi, nella finale quasi scontata. I rossoblù ci hanno eliminato dai mondiali, a Torino, Podrascanin non è al meglio (sta in panchina) e neanche l’Italia lo è.

Dispiace vedere il PalaFlorio con una tribuna per metà vuota, l’esaurito arriverà domenica sera, sempre dalle 21,15, con diretta su Rai2.

Negli altri quadrangolari, nessuna sorpresa: a Varna, 3-0 del Brasile su Porto Rico e 3-1 Bulgaria sull’Egitto. A Rotterdam, il 3-2 dell’Olanda sulla Corea del Sud e il 3-1 degli Usa sul Belgio. A Danzica, 3-0 della Polonia sulla Tunisia e della Francia sulla Slovenia. A San Pietroburgo, il 3-2 dell’Iran su Cuba e il 3-0 della Russia sul Messico. In Cina, gli asiatici superano la Finlandia per 3-1, stesso punteggio per l’Argentina sul Canada.

  Ultimo aggiornamento: 23:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in fila per la macchina mangia-plastica (che però è rotta)

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma