GP di Lugano, Nibali e Aru tornano a sfidarsi

Venerdì 7 Giugno 2019 di Francesca Monzone

Fabio Aru e Vincenzo Nibali di nuovo insieme. Domenica al Gran Premio di Lugano il siciliano e il sardo torneranno ad essere rivali sulle strade svizzere. Sarà un test importante per entrambi, anche se gli obiettivi saranno diversi. Per Vincenzo Nibali sarà una gara di avvicinamento al Tour de France, che partirà da Bruxelles il prossimo 6 luglio, mentre per Fabio Aru, sarà un ritorno dopo il lungo stop per l’intervento all’arteria iliaca. 
Probabilmente i due azzurri non saranno alla ricerca della vittoria, ma si testeranno per capire come affrontare le prossime settimane. Lo squalo dello Stretto dopo il secondo posto al Giro d’Italia, correrà alla Grand Boucle. Non avrà velleità per la classifica generale e cercherà di far sua la maglia a pois degli scalatori e conquistare alcune tappe.
Discorso diverso per il cavaliere dei Quattro Mori fermo ormai dal 1 aprile, deve capire se il recupero fisico è completo. Oggi Aru ha voluto salutare i suoi tifosi e lo ha fatto tramite un video mentre si allenava sul Sestriere salendo da Pinerolo. Il sardo ha sottolineato l’importanza della corsa di domenica come nuovo punto di partenza della stagione, auspicando il sostegno da parte del pubblico. In base ai risultati ottenuti in corsa, Aru potrebbe decidere se prendere parte al Tour oppure alla Vuelta. Se ci sono molti punti interrogativi sulla corsa francese, con più probabilità vedremo il capitano della UAE al via della corsa spagnola. 
Alla corsa elvetica saranno presenti 17 squadre di cui tre world tour. Oltre alla Bahrein-Merida e UAE Emirates ci sarà la Mitchelton-Schott di Esteban Chavez e poi le squadre professional. In gara anche tre formazioni italiane: la Nippo Fantini di Damiano Cima, vincitore di una tappa al Giro d’Italia; la Bardiani CFS di Giovanni Carboni e la Neri Sottoli-Selle Italia che avrà Giovanni Visconti come capitano. 
La corsa avrà un percorso su un circuito di 22,4 chilometri da ripetere otto volte,  per un totale di 179 chilometri e quasi 4000 metri di dislivello.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Chiamare il 112 svedese e scoprire che è peggio di quello di Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma