Open d'Italia, vince Wiesberger beffando Fitzpatrick

Domenica 13 Ottobre 2019 di Stefano Cazzetta
1
Bernd Wiesberger

L’Open d’Italia di golf, quarto appuntamento dei tornei Rolex Series, che mettono in palio 7 milioni di dollari, ha un degno vincitore. Alla fine l’ha spuntata Bernd Wiesberger, il ragazzone austriaco di 34 anni che con questa vittoria, balza al comando della Race To Dubai, il ranking europeo. I successi in carriera sono 7, quello di Roma è il terzo stagionale, il secondo delle Rolex series, dopo questa vittoria farà un bel balzo anche nel ranking mondiale. Partito con un ritardo di 3 colpi di ritardo rispetto a Matthew Fitzpatrick, Wiesberger ha eseguito il giro perfetto: 6 birdie e nessun bogey. Ha chiuso a meno 16 e ha dovuto aspettare per vedere che cosa facevano i suoi inseguitori. Di sicuro ha trepidato parecchio quando Fitzpatrick ha avuto a disposizione un corto putt per l’eagle alla 17. L’avesse imbucato lo avrebbe raggiunto, con una buca ancora da giocare che avrebbe potuto significare lo spareggio con un par o addirittura la vittoria con un birdie. Fitzpatrick invece ha mancato il putt e ha dovuto accontentarsi del birdie, che comunque lo portava a un colpo da Wiesberger. Alla 18 ha dovuto arrendersi. Niente birdie per lo spareggio, ma solo par per il secondo posto in un bel finale thrilling. Grande, ovviamente, la soddisfazione del vincitore: «Mi è piaciuto giocare a Roma, perché qui ti senti il benvenuto. Oggi ho giocato molto bene, ma sento che posso fare ancora meglio. La Ryder? I tornei di qualificazione sono appena cominciati, la strada è lunga, ma è ovvio che sarebbe bellissimo esserci».

Noi italiani, orfani di Francesco Molinari, che non ha superato il taglio, possiamo consolarci con le prestazioni di Andrea Pavan, l’idolo di casa, e del sorprendente Francesco Laporta. Il primo, grazie al -1 finale, ha chiuso al decimo posto, a conferma di un ottimo stato di forma. Il suo ultimo giro è stato scandito da momenti di esaltazione (l’eagle 2 alla 4, con un wedge imbucato da fuori green) e da altri di completa sofferenza, a causa soprattutto dei rari colpi sbagliati dal tee. «Forse avrei potuto fare qualcosa di più, ma questo è un campo che non perdona. E gli errori si pagano. Comunque niente rimpianti, un decimo posto nelle Rolex Series vale tanto. Ora c’è un finale di stagione da disputare nel migliore dei modi». Il vero protagonista, perlomeno quello che non t’aspetti, è stato Francesco Laporta, migliore degli italiani con un 7° posto finale. Al ragazzo pugliese non sono tremati i polsi, anche se giocava in coppia con un campione come Danny Willett. Ha chiuso il giro a -3 per uno splendido -9 totale. «Un po’ di emozione solo sul tee della 1 – dice – poi più niente. Ho pensato solo a giocare e a giocare bene. E’ stata una settimana fantastica, tutto ha funzionato alla perfezione. Ma ora bisogna tornare con i piedi per terra e concentrarmi sul Challenge, che è il mio vero tour. Ho un aereo che parte per la Cina per il finale di una stagione esaltante e stressante che potrebbe garantirmi la carta per il tour maggiore. Non posso sbagliare».
Calato il sipario, è già tempo di Open 2020. Con una certezza in più: Roma ha superato brillantemente il test.

 

Ultimo aggiornamento: 20:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma