Giro d'Italia, sette tappe per velocisti. Viviani: «Replicare il 2018 sarebbe un sogno»

Giro d'Italia, sette tappe per velocisti. Viviani: «Replicare il 2018 sarebbe un sogno»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Novembre 2021, 13:39

Pezzo dopo pezzo, si sta svelando il Giro d'Italia 2022. Dopo l'annuncio della partenza dall'Ungheria, è il momento di svelare come saranno le tappe e sette saranno adatte ai velocisti. Le prime due si svolgeranno sul suolo magiaro, le altre sul territorio italiano: Budapest-Visegrád: 195 km - 900 m; Kaposvár-Blatonfüred: 201 km - 890 m; Catania-Messina: 172 km - 1200 m; Palmi-Scalea (Riviera del Cedri): 192 km - 900 m; Santarcangelo di Romagna-Reggio Emilia: 201 km - 480 m; Sanremo-Cuneo: 157 km - 1450 m; Borgo Valsugana-Treviso: 146 km - 570 m.

Il velocista italiano Elia Viviani, portabandiera a Tokyo e vincitore di diverse tappe nel 2018, ha commentato così la notizia: «È un Giro ricco di ottime occasioni per i velocisti. Forse l'arrivo della prima tappa è più favorevole per un finisseur o un velocista che tiene bene in salita. Mi piacerebbe poter lottare per conquistare nuovamente la maglia ciclamino e provare a vincere qualche tappa come quella di Treviso, vicino ai miei tifosi, o quella di Reggio Emilia. Sicuramente c'è terreno per ripetere un Giro come quello del 2018: sarebbe un sogno!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA