Giro d'Italia: a Montalcino vince Schmid, Evenepoel e Ciccone crollano, Bernal rafforza la maglia rosa

Mauro Schmid vince a Montalcino
di Carlo Gugliotta
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Maggio 2021, 18:41

Dopo il giorno di riposo, la tappa degli sterrati da Perugia a Montalcino ha confermato che Egan Bernal è il padrone (almeno per adesso) di questo Giro d'Italia. La vittoria di tappa è andata allo svizzero Mauro Schmid, in fuga dal mattino, che ha superato nello sprint a due l'azzurro Alessandro Covi. Ma il responso più importante riguarda la classifica generale: Remco Evenepoel, che fino a questa mattina era secondo in classifica generale, è letteralmente crollato a 20 km dal traguardo, mostrando anche segni di nervosismo quando si è tolto l'auricolare della radiolina dall'orecchio.

Atteso più volte dal compagno di squadra Joao Almeida, il giovane talento belga ha pagato caro il passaggio sugli sterrati, perdendo poco più di due minuti da Egan Bernal. Una crisi dettata dalla fatica accumulata sui tracciati fuoristrada, ma porobabilmente anche per la paura insita in un corridore che a Il Lombardia è volato in un fosso, lo scorso 15 agosto.

Come Evenepoel, anche Giulio Ciccone non riesce a difendersi bene sullo sterrato, in particolare sul passo del Lume Spento, nonostante abbia trovato al proprio fianco un grande campione come Vincenzo Nibali a fargli da gregario. Ma mentre gli avversari arrancano, la maglia rosa vola: Egan Bernal ha fatto valere ancora una volta le proprie doti di guida fuori strada accumulate in anni di mountain bike, proprio come avvenuto a Campo Felice. La Ineos Grenadiers ha lavorato compatta in testa al gruppo per tutto il giorno, con Bernal che è riuscito a finalizzare il lavoro dei compagni piazzandosi in undicesima posizione, primo dei big al traguardo, da lui tagliato subito dopo i fuggitivi di giornata. 

Con questa bellissima azione, il colombiano conserva la maglia rosa con un vantaggio di 45" su Alexander Vlasov e 1'12" su Damiano Caruso, migliore degli italiani. Bene anche Simon Yates, che rientra prepotentemente in classifica generale, quarto alle spalle di Charty. Remco Evenepoel è settimo a 2'22", Ciccone subito dietro a 2'24". Il Giro è completamente stravolto, l'unica costante è Bernal in maglia rosa. E domani c'è l'insidiosa tappa di Bagno di Romagna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA