Giro d'Italia, Froome: «La strada era pericolosa, ho dovuto farmi sentire»

Domenica 27 Maggio 2018
3

«La strada era pericolosa, hanno preso una buona decisione e alla fine hanno fatto bene a fare quello che hanno fatto, neutralizzando la corsa. Non abbiamo mai minacciato di fermarci, questo mai. I miei colleghi mi hanno chiesto di farmi da garante con la giuria sulla sicurezza del percorso. Ho dovuto alzare la voce». Così Chris Froome, vincitore del Giro d'Italia, commenta la decisione della giuria di neutralizzare gli ultimi sette giri del circuito cittadino valido come ultima tappa della corsa rosa.
 


Il sindaco Raggi. ​«Buche e sampietrini? Si ma quello di oggi è un giorno di festa. C'è chi vuole far credere che si sia interrotta la corsa, quando invece i corridori hanno completato tutti i giri». Virginia Raggi confida all'Ansa il suo stato d'animo mentre abbandona il circuito della tappa finale del Giro d'Italia. «Spiace il tentativo - prosegue - di trasformare tutto in una continua polemica. Resta un momento di sport ad altissimo livello per migliaia di cittadini, appassionati, turisti, che hanno assistito alla gara in una cornice unica al mondo».

Ultimo aggiornamento: 23:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Giovani gamer isolati in casa. E intanto la pasta scuoce

di Raffaella Troili