Il Giro d'Italia 2021 è di Egan Bernal, Filippo Ganna conquista l'ultima tappa

Il Giro d'Italia 2021 è di Egan Bernal, Filippo Ganna conquista l'ultima tappa
di Carlo Gugliotta
3 Minuti di Lettura

Egan Bernal concretizza il sogno rosa e torna ai livelli che gli competono. Il corridore colombiano si è aggiudicato la maglia rosa finale nell'edizione 2021 del Giro d'Italia, lasciando definitivamente alle spalle un 2020 caratterizzato dai problemi alla schiena. Cresciuto ciclisticamente in Italia sotto l'ala protettrice di Paolo Alberati e passato professionista nella squadra italiana Androni Giocattoli Sidermec, diretta da Gianni Savio, Egan Bernal ha gestito in maniera ottimale il vantaggio accumulato nel corso di questa edizione della corsa rosa e, pur cedendo qualche secondo a Damiano Caruso, è riuscito a portare a casa quel trionfo così tanto cercato. Per la Ineos Grenadiers è il terzo trionfo in 4 anni al Giro d'Italia: il team britannico ha vinto la corsa rosa nel 2018 con Chris Frome (all'epoca portava la denomionazione di Team Sky), nel 2020 con Tao Geoghegan Hart e nel 2021 con il colombiano.

Damiano Caruso, l'ex gregario spicca il volo: vince ad Alpe Motta e blinda il podio, Bernal mette in cassaforte la maglia rosa

Grazie a questo successo, la carriera del ventiquattrenne Egan Bernal viene rilanciata ai livelli del 2019, anno in cui riuscì a vincere la maglia gialla al Tour de France. E' il secondo corridore colombiano in grado di vincere il Giro, dopo l'exploit di Nairo Quintana nel 2014. Sono passati i problemi alla schiena che lo hanno costretto a ritirarsi in anticipo dal Tour de France 2020, ma non solo: "In questa corsa ho trovato quella libertà di poter correre come mi piace", ha affermato un emozionato Bernal dopo la cronometro. Il podio finale di Milano viene completato da Damiano Caruso, secondo e migliore degli italiani, e il britannico Simon Yates, che sembrava in ottime condizioni fisiche ma ha avuto un rendimento troppo altalenante per poter impensierire Bernal.

La festa della Ineos Grenadiers raddoppia con il successo di Filippo Ganna nella cronometro del caos. Il campione del mondo delle prove contro il tempo è stato attardato in quanto è transitato sopra un tombino, e dopo quel passaggio ha riportato la foratura della ruota poteriore. Pazzesco anche l'incidente di Remi Cavagna, che sembrava in grado di contrastare Ganna, ma negli ultimi 500 metri prende male una curva e finisce contro le transenne. Infine, Matteo Sobrero ha rischiato di finire contro le transenne per via di una manovra decisamente azzardata da parte di un'automobile. 

Alla fine della cronometro, Ganna ha coperto i 30 km in 33'48" rifilando 12" a Remi Cavagna, 13" ad Edoardo Affini e 14" a Matteo Sobrero. E' il secondo successo di Ganna in questo Giro d'Italia dopo quello conquistato nella prima tappa, sempre a cronometro, a Torino. Ed è un'Italia che chiude il Giro con 7 vittorie all'attivo oltre al piazzamento sul podio di Damiano Caruso. Un buon bilancio sul quale il commissario tecnico Davide Cassani può fare le proprie valutazioni in vista dei Giochi Olimpici.

Yates vince ad Alpe di Mera, Bernal si difende: il Giro d'Italia è ancora aperto

Funivia Mottarone, i corridori del Giro d'Italia devolvono il montepremi al piccolo Eitan e ai familiari delle vittime

Domenica 30 Maggio 2021, 20:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA