Federciclismo, Norma Gimondi candidata alla presidenza. Il papà Felice: «Per mia figlia una corsa in salita»

Lunedì 14 Novembre 2016 di Redazione Sport
Tuttobiciweb
Ci sarà anche una candidata dal nome «pesante» alle prossime elezioni in cui verrà scelto il nuovo presidente della Federciclismo: si tratta di Norma Gimondi, figlia del leggendario Felice, uno dei corridori che hanno fatto la storia del ciclismo mondiale. Norma Gimondi, 46 anni, avvocato civilista, ha già depositato la candidatura e il 14 gennaio 2017, nel museo d'arte moderna e contemporanea, a Rovereto, sarà in corsa per la poltrona di presidente.

«Personalmente non le ho dato nessun consiglio. Anche perché, alla fine è giusto che scelga lei; se fosse stato per me era più un no che un sì». Così Felice Gimondi commenta, all'Ansa, la candidatura della figlia Norma alla presidenza della Federciclismo. L'ex pluridecorato campione, uno dei pochi corridori al mondo ad avere vinto le tre grandi corse a tappe, sembra scettico sulla possibile elezione della figlia, ma crede fermamente nelle sue capacità. «Certo, è un incarico impegnativo - ammette Gimondi - a me l'hanno proposto diverse volte, ma ho sempre rifiutato. Norma è preparata e appassionata, ma serve anche tanto entusiasmo. Tuttavia, non è facile essere eletti e alla fine saltano fuori i soliti giochetti, le alleanze, le magagne. Per fare il presidente bisognerà impegnarsi a fondo, affrontare e bene tutti i problemi». Uno su tutti, secondo Gimondi: «Ci sono pochi soldi nel mondo del ciclismo italiano, in questo momento, non a caso i nostri corridori più forti difendono i colori di squadre straniere. Adesso è arrivato anche il petrolio e gli ingaggi lievitano». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma