Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Europei nuoto, oro nei tuffi team event per l'Italia. Chiara Pellicani: «È un debutto da sogno, nella mia città»

“Ho dovuto aspettare tanto prima di poter gareggiare per l’Italia ma questa è casa mia, ce l’ho fatta, sono giovane, crescerò tra questi miei amici” dice Timbretti

Europei nuoto, oro nei tuffi team event per l'Italia
di Piero Mei
3 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Agosto 2022, 15:13 - Ultimo aggiornamento: 19:51

Ed è subito oro: anche la disciplina dei tuffi, vestita d’azzurro, prende immediatamente la medaglia più preziosa. Lo fa nella gara di apertura, il tem event, la prova a squadre, nella quale l’Italia schiera un quartetto internazional-romanesco, con Chiara Pellacani, ventenne “romana de Roma”, la più giovane del gruppo ma veterana in fatto di medaglie, e temporaneamente studentessa di psicologia alla Louisiana University (laurea prevista per Natale), Eduard Timbretti Giugiu, Sarah Jodoin Di Maria e Andreas Sargenti Larsen, il primo dei tre rumeno di Cuneo (i genitori, ora italiani, venivano dalla Romania e lui è nato piemontese), canadese di Montréal la seconda, e figlio di un matrimonio italo-danese il terzo.

Europei nuoto, oggi il via a Roma nella «piscina più bella del mondo». L'Italia con 102 atleti punta al record di medaglie

Gli azzurri nei sei tuffi hanno totalizzato un punteggio di 402.55, unico team sopra i 400, ed hanno così preceduto la favorita Ucraina (399.05) e la Gran Bretagna, che non ha qui il fenomeno di tuffi e uncinetto Tom Daley, e che ha chiuso a 384.70. L’avvio è stato proprio di Chiara, poi è toccato ad Andreas; dopo i trampolinisti l’Italia era quarta; con i piattaformisti gli azzurri sono poi volati al comando ed il finale è stato tutto loro. Questi i singoli punteggio dei quattro d’oro: Pellacani 58.50 (doppio salto mortale e mezzo ritornato) da 3 metri, Sargent Larsen 63.000 (doppio salto mortale e mezzo rovesciato raggruppato) da 3 metri; Pellacani-Larsen 66.00 (doppio salto mortale e mezzo indietro carpiato sincronizzato da 3 metri), Di Maria 63.00 (verticale con doppio salto mortale indietro e un avvitamento) da 10 metri, (quadruplo salto mortale e mezzo avanti raggruppato) da 10 metri, Di Maria-Timbretti (67.20 (doppio salto mortale e mezzo indietro con un avvitamento) da 10 metri.

 

“È un debutto da sogno, nella mia città, davanti ai miei genitori, ai miei amici; sapevamo di far bene, ma forse siamo andati oltre; Andy è stato il più bravo di noi” dice Chiara Pellacani; e Andy, Andrea Larsen, dopo aver “intinto” la medaglia nella piscina per portarsi via anche una goccia nel ricordo, fa il modesto: “Mi sono ripreso dopo un errorino da 3 metri; mi aspettano tante gare, e spero di fare sempre bene come oggi dopo quell’errore. “Ho dovuto aspettare tanto prima di poter gareggiare per l’Italia ma questa è casa mia, ce l’ho fatta, sono giovane, crescerò tra questi miei amici” dice Timbretti; “Ho un problema al polso ma oggi mi ha dato poco fastidio e siamo stati tutti bravissimi”. Bravissimi sì, e chi ben comincia…

© RIPRODUZIONE RISERVATA