Europei Budapest 2021, 3° tempo per Quadarella in batteria nei 400 sl: stasera la finale

Europei Budapest 2021, 3° tempo per Quadarella in batteria nei 400 sl: stasera la finale
di Piero Mei
4 Minuti di Lettura
Domenica 23 Maggio 2021, 12:02 - Ultimo aggiornamento: 12:07

Simona Quadarella si regala (e ci regala) anche la terza difesa del terzo titolo europeo di Glasgow. Nelle batterie dell’ultima mattina continentale a Budapest chiude con il terzo tempo del ranking, in 4:09.04. Le ragazze della 4x100 mista regalano alla Pellegrini (e a tutti, appassionati e no) la sua possibile ultima chance europea, qualificandosi per la finale del pomeriggio che chiuderà gli Europei 2021.

IL CRONO VOLUTO

“Avevo pensato a questo tempo con Christian”, che è Minotti, il suo allenatore, dice la Quadarella. “Di questi Europei della conferma sono contanta: ero venuta qui per vincere ancora 800 e 1500 e l’ho fatto”. E i 400? “Li ho preparati meno, perché alle Olimpiadi non li farò e l’obiettivo sono i Giochi, ora due mesi a testa bassa”. “Però vedremo oggi pomeriggio” aggiunge e sorride, “sto bene, mi sento benissimo”. Come crono ha davanti Egorova, russa, e Kapas, ungherese. Non vanno avanti Caramignoli (“stavo male, non ho nemmeno fatto colazione”) né Gailli (“che brutto crono!”).

Europei Budapest 2021, record del mondo per la 16enne Benedetta Pilato nei 50 metri rana Chi è

BELLE BAND

Si qualificano entrambe le staffette dei quattro stili. Gli azzurri in acqua erano Ceccon, Pinzuti, Codia e Miressi (“mi sono trattenuto un po’, ho i 50 e la finale nel pomeriggio”) e chiudono in 3:37.47, terzo tempo. Le azzurre, Scalia, Carraro, Di Liddo e Di Pietro, finiscono in 4:00.26, quarto crono d’ingresso per oggi, front woman Federica Pellegrini.

Europei: Pilato da record nei 50 rana, Detti-Paltrinieri si sfidano sugli 800

IL "BRUTTO RICORDO"

“Non nuotavo i 400 misti da tre anni e in acqua mi sono ricordato il perché” scherza Alberto Razzetti dopo la sua batteria, la prima del giorno, tre concorrenti soltanto, nuotata in 4:14.57. Era per la fatica. “E mi sa che mi toccherà rifarla nel pomeriggio”. Gli toccherà: è in finale. Va a riprendere fiato in camera e racconta: “Ogni volta che ci entro, vedo il bronzo vinto qui nei 200 e sono felice”. E Pier Andrea Matteazzi, l’altro azzurro in questione, vede Razzetti e si dice “se è andato forte lui, devo farlo anche io”. Lo fa: 14:14.70, in finale tutti e due e con il primato personale.

A UNA MEDAGLIA DAL RECORD

L’Italia è a una medaglia dal suo bottino record totale in un Europeo di nuoto, che era di 22, quelle conquistate a Glasgow 2018: prova l’aggancio e il sorpasso oggi pomeriggio, ore 18, con Miressi e Zazzeri nei 50 stile, la Castiglioni e la Pilato nei 50 rana, Burdisso nei 100 farfalla, la Panziera nei 200 dorso, la Quadarella (due ori: è l’unica azzurra, fin qui, dal metallo più prezioso) nei 400 stile libero, e le staffette 4x100 miste, uomini e donne. L’ultima a scendere in acqua sarà la quarta frazionista, la donna dello stile libero: Federica Pellegrini. Sarà l’ultima gara europea di Capitan Federica, a meno che non ceda, mai dire mai, al miraggio di Roma 2022. “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni” diceva Oscar Wilde.

Europei Budapest 2021, Federica Pellegrini nel pomeriggio per la finale dei 200 stile libero

© RIPRODUZIONE RISERVATA