Doping, Petacchi squalificato per due anni

Sabato 24 Agosto 2019 di Francesca Monzone
L’Unione Ciclistica Internazionale ha squalificato Alessandro Petacchi per doping. La notizia è ufficiale ed è stata comunicata dalla stessa UCI, questa mattina all’ex corridore e commentatore tecnico della Rai. I fatti riguardano l’Operazione Aderlass, con riferimento a fatti avvenuti tra il 2012 e il 2013, per uso di metodi e sostanze vietate.  Petacchi con gli altri corridori Kristijan Koren della Bahrein Merida, Kristijan Durasek della UAE Emirates  e Borut Bozic, direttore sportivo della Bahrein Merida, a maggio erano stati informati di potenziali violazioni delle regole antidoping, dopo che i loro nomi erano stati inseriti nel fascicolo Aderlass. In precedenza, anche Danilo Hondo era stato sospeso per due anni per il suo coinvolgimento, con gli austriaci Stefan Denifl e Georg Preidler, i quali invece avevano ricevuto una squalifica di quattro anni ciascuno.

Petacchi aveva ricevuto la notifica via mail a maggio, mentre era impegnato con il Giro d’Italia, sostenendo subito la sua innocenza ed estraneità ai fatti. In particolare aveva negato l’uso di sostanze proibite e trasfusioni di sangue. Il corridore spezzino aveva anche dichiarato di non aver mai conosciuto il dott. Schmidt, il medico coinvolto nell’Operazione Aderlass e che nel fascicolo, risulterebbe tra le conoscenze di Petacchi. A maggio l’ex velocista italiano, che si era ritirato nel 2015 dopo aver ottenuto molti successi, aveva lasciato la trasmissione Rai per tornare a casa e preparare la sua difesa. Vennero concessi 7 giorni all’ex campione per produrre una difesa convincente da presentare all’UCI, in cui dovevano essere inserite prove a sua discolpa. Oggi invece è arrivata la notizia della sospensione di due anni e che scadrà a maggio del 2021. Petacchi che in carriera ha vinto 22 tappe al Giro d’Italia, nel 2007 venne sospeso dall’UCI, per un periodo di 9 mesi, per l’utilizzo del salbutamolo © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma