Doping, controlli saltati: due anni a Coleman re dei 100 metri

Martedì 27 Ottobre 2020
Christian Coleman

Christian Coleman salterà i Giochi Olimpici di Tokyo il prossimo anno. Il campione del mondo dei 100 metri è stato squalificato per due anni dopo due test antidoping saltati. Coleman aveva contestato uno dei test mancati, dicendo che era uscito a fare acquisti natalizi ma era tornato durante la finestra di un'ora richiesta per essere testato. Ma un comitato disciplinare di atletica leggera ha respinto la spiegazione del velocista e lo ha bandito fino al 13 maggio 2022.
Il ventiquattrenne americano ha sempre garantito di non aver mai fatto uso di sostanze dopanti e lo scorso luglio aveva rilasciato una lunga intervista in sua difesa: «Penso che il tentativo del 9 dicembre sia stato un tentativo intenzionale di farmi saltare un test», ha detto. «Sono stato contattato per telefono letteralmente ogni volta che sono stato testato - perché l'AIU gli avrebbe detto di non chiamarmi?», ma il comitato disciplinare ha stabilito che i tester non avevano alcun obbligo di avvertire l'atleta del test.

© RIPRODUZIONE RISERVATA