Giro delle Fiandre virtuale, Bettiol: «Sarà una sfida vera e correremo per il pubblico a casa»

Giro delle Fiandre virtuale, Bettiol: «Sarà una sfida vera e correremo per il pubblico a casa»
di Francesca Monzone
3 Minuti di Lettura
Sabato 4 Aprile 2020, 22:30 - Ultimo aggiornamento: 5 Aprile, 10:10

Domani il Giro delle Fiandre, la grande festa del ciclismo belga, non ci sarà. I belgi che non potevano  rinunciare al loro show, hanno così ideato una corsa virtuale, dove il vincitore dello scorso anno, Alberto Bettiol, tramite una piattaforma virtuale, sfiderà  12 grandi corridori. Il nostro Bettiol attraverso il suo avatar personalizzato, correrà gli ultimi 32 chilometri della Ronde van Vlaanderen superando i leggendari Oude Kwaremont e Paterberg. A contendersi la vittoria del primo Giro delle Fiandre virtuale, ci saranno Remco Evenpoel e Zdnek Stybar della Deceuninck-Quick Step, Thomas De Gendt e Tim Wellens della Lotto Soudal, Greg Van Avermaet della CCC e altri 6 corridori che sfideranno il campione della Educational First.
In quale modo ha saputo di questa iniziativa organizzata da Flanders Classics? 
“Il tutto è nato in modo molto veloce, sono stato contattato pochi giorni fa dal direttore di Flanders Classics, che mi ha proposto di prender parte a questa corsa virtuale. Io ne ho parlato con la mia squadra e abbiamo accolto con entusiasmo questa iniziativa”.
Come si è preparato per questa gara virtuale?
“Non è stato semplicissimo perché il tutto sarà trasmesso in live streaming. Mi sono dovuto improvvisare tecnico e ho dovuto montare la telecamera che mi seguirà per la diretta e ho provato il percorso sui rulli”.
Che tipo di sfida sarà?
“Sarà una sfida per tutti. Per me e per gli altri 12 corridori che dalle loro case gareggeranno insieme a me, ma anche per gli organizzatori della corsa. Questo è un nuovo approccio mediatico al ciclismo, dove grazie alla tecnologia lo sport e i campioni sono protagonisti insieme al pubblico a casa”. 
Da un punto di vista tecnico, questa corsa quanto sarà differente da quella reale?
“Scenograficamente sarà diversa, perché le immagini che passeranno saranno quelle più rappresentative della corsa. A livello di difficolta come pendenze sarà identica. Poi come nella corsa vera, il vincitore farà la conferenza stampa e le interviste”. 
Le corse virtuali potrebbero sostituire in futuro le corse tradizionali?
“Sicuramente no, perché l’emozione della strada, dei corridori che ti passano vicino, non può essere sostituita. È un modo per essere più vicini alla gente. Il pubblico da casa potrà anche divertirsi a scommettere sul vincitore della corsa”. 
Lo sport virtuale in un periodo difficile come questo, quanto è importante?
“Penso che sia fondamentale per mantenere un legame con il pubblico. La gente in questo periodo così drammatico ha bisogno anche di pensare a qualcosa di più leggero e una corsa virtuale può essere un buon sistema”.  
Il ciclismo come tanti altri settori, sta attraversando una importante crisi economica. Che idea si sta facendo?
“La mia squadra la Educational First, non ha ridotto o sospeso gli stipendi e una ipotesi del genere non è stata mai discussa. Mi dispiace per i colleghi che sono rimasti senza stipendio, perché alla fine siamo una grande famiglia e ci conosciamo tutti. Penso che dovrebbe intervenire la Federazione Internazionale, per garantire lo stipendio a tutti i lavoratori”. 
Quanto è cambiato il suo modo di allenarsi?
“Sicuramente tantissimo. Facciamo sempre i rulli e qualche volta esco su strada. Io abito in Svizzera e i corridori professionisti possono allenarsi fuori, ma a me non piace. Io amo fare le gare e spero di poter tornare presto a correre con il pubblico a bordo strada”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA