Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Crisi astinenza da scommesse? Tranquilli c'è la TT Cup, il torneo di ping pong aperto a tutti. O quasi

Crisi astinenza da scommesse? Tranquilli c'è la TT Cup, il torneo di ping pong aperto a tutti. O quasi
di Emiliano Bernardini
2 Minuti di Lettura
Sabato 11 Aprile 2020, 07:30

Crisi d'astinenza da scommesse? In aiuto dall'est è arrivato il tennis tavolo. La famigerata TT Cup. Più che un torneo d'elite una sorta di competizione da dopolavoro. Capita anche questo quando si è costretti ad una quarantena infinita. Con tutto lo sport fermo anche i bookmakers internazionali fanno fatica a proporre qualcosa sulla lavagna. Da un lato la richiesta, dall'altro l'esigenza di emettere quote per guadagnare. In una situazione normale ci sarebbe l'imbarazzo della scelta. Domani, tanto per fare un esempio, sarebbe stata una gran giornata di calcio alla vigilia di Pasqua e una manna per chi si diverte con una puntata: Milan-Juve, Lecce-Lazio e Verona-Inter per lo scudetto, Roma-Parma e Atalanta-Samp per la corsa alla piazza Champions. Stesso discorso per il tennis. Ma in tempi di magra totale a venire incontro ai bookmaker è proprio la racchetta. Sì, ma quella del ping pong. Non male direte voi. 

Già, basta però farsi un giro sui vari siti per capire di cosa parliamo. I nomi, come rivela Agipronews,sono Liga Pro russa o della Setka Cup ucraina, o quelli della TT Cup, sempre di scena in Ucraina. Quest'ultima poi è quella più quotata. Una sorta di campionato di tennis tavolo non certo da elite. Il sito di riferimento è suddiviso in sezioni con tanto di presentazioni dei giocatori. Ben 46 pagine. Nessun limite. Si va da giocatori di un certo livello ai vicini della porta accanto con tanto di look casalinghi. Il primo nelle foto è tale Abalmaz Spartak. Ben 167 tornei alle spalle ma valutazione 0. Vicino a lui c'è Yuri Abroskin, 62 anni. Un fisico non proprio atletico ma a dispetto dei soli 8 tornei giocati ha una valutazione di 45. Il più forte ssembra essere tale Myrza Anton, nato a Kiev nel 1992. Valutazione 1206. Collegandosi al sito c’è lo streaming per chi volesse seguire qualche match. Le classi del torneo, a quanto pare, sono tre: la prima, dal nome assai pretenzioso, si chiama Champions League. Poi c’è la League Masters e la League Athletes. 

E così sulle lavagne dei siti di scopmmesse mondiali questi atleti dell'ultima ora hanno preso il posto dei miti dello sport. Ai tempi del coronavirus può succedere anche questo. Ah, a proposito: il match clou di questa sera è Bychkov, Stanislav - Ilyukhin, Evgeniy ore 20.30. Con il primo leggermente favorito 1,80 a 1,90. D'altronde, perché non tentare la sorte?

 

 

 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA