CORONAVIRUS

Pellegrini: «Sul calcio ho provocato: mi sento portavoce degli altri sport»

Giovedì 16 Aprile 2020
Pellegrini: «Sul calcio ho provocato: mi sento portavoce degli altri sport»

«Sappiamo perché si parla soprattutto del calcio in questo momento di emergenza: ci sono tanti interessi dietro ed è lo sport più importante d'Italia. La mia era una provocazione: il calcio deve ripartire, ma gli altri sport? La mia ovviamente è una provocazione, ma mi sento un po' la portavoce degli altri sport». Lo ha detto Federica Pellegrini, intervenuta sulle frequenze di Retesport, Radio Roma Capitale e Radio Sei.

LEGGI ANCHE--> Pellegrini: «Sbagliato parlare solo della ripresa del calcio»

«In questo momento siamo tutti fermi, dagli sport individuali agli sport di squadra: per noi più che tornare a gareggiare sarebbe invece importantissimo tornare ad allenarsi. E per il nuoto sicuramente è più semplice farlo. Per noi è dura stare fuori dall'acqua per tanto tempo. Dopo un mese e mezzo cerchiamo di mantenere il fiato in ogni modo: anche correndo intorno al tavolo».

Ultimo aggiornamento: 20:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA