Agli Europei, il quarto 3-0 per l'Italia (stavolta alla Slovenia) è firmato Chirichella

Agli Europei, il quarto 3-0 per l'Italia (stavolta alla Slovenia) è firmato Chirichella
di ​Vanni Zagnoli
3 Minuti di Lettura
Martedì 27 Agosto 2019, 22:44 - Ultimo aggiornamento: 28 Agosto, 13:43
Su Rai2, gli affezionati del volley continuano a divertirsi. Dodici a zero, come set, il quarto 3-0 è quasi scontato, il girone si chiuderà giovedì, con la Polonia e l’arena di Lodz finalmente sarà esaurita, anzichè quasi completamente vuota, con i 380 spettatori di stasera.

L’Italia abbatte anche la Slovenia, vicina al colpaccio nel primo set, perso 27-25, mentre il secondo è super, sul 13-4. Inizialmente, Davide Mazzanti, naturalmente senza dichiararlo, sembra giocare a recuperare, ad allenarsi per davvero, perchè diversamente quando finisse sotto sul serio magari la nazionale si farebbe prendere dall’ansia, è capitato di intuirlo anche da Chicco Blengini.

Le slovene sono meno forti dei maschi, che un anno fa impensierirono Zaytsev e compagni, a Firenze, sono allenate da Alessandro Chiappini, uno dei tanti ct italiani all’estero.

L’Italia non ha punti deboli, ha volti belli e mani affusolate. Il ct pesarese, di Marotta, limita al minimo i cambi, impiega Anna Danesi al centro, per Raphaela Folie, insiste su Indre Sorokaite in banda. Gli occhi di Ofelia Malinov illuminano, anche il gioco, magari dimentica di coinvolgere le centrali, comunque svettanti a muro. Il secondo parziale è di raro squilibrio, sul 22-7, con l’ingresso anche di Beatrice Parrocchiale, libero al posto di Moky De Gennaro. Crolla la ricezione adriatica, è 25-8.

Il terzo set è più interessante, con il 12-8 di Chirichella, la migliore, sino al 25-17. “Inizialmente - racconta la capitana, napoletana -, eravamo contratte. Siamo state brave nel primo set, punto a punto

E’ un piacere ascoltare la nazionale, su Rai2, con la voce suadente e talvolta divertita di Francesca Piccinini, 40 anni e mezzo e non ancora convinta di smettere, da campionessa d’Europa, con Novara.

Passa la Turchia di Giovanni Guidetti, ha speranze la Slovenia di Chiappini, appunto, come quarta. L’Olanda del vice Alessandro Beltrami domina il girone di Ungheria, la Romania di Pedullà è raggiunta al secondo posto dalla Croazia di Daniele Santarelli, campione d’Italia a Conegliano: nel gruppo con 2 vittorie e una sconfitta c’è anche l’Azerbaijan di Gianni Caprara. La Slovacchia di Marco Fenoglio è seconda nel girone di Bratislava, dietro soltanto alla Germania, terza è la Russia di Busato, vice ct. Nel raggruppamento di Lodz, Italia è a punteggio pieno con 4 successi, sulla Polonia, il Belgio vanta 3 successi e una sconfitta, la Slovenia è quarta con una vinta, Ucraina e Portogallo sono ultime. Domani Belgio-Polonia e Ucraina-Slovenia, decisiva per l’ultima qualificazione. L’Italia è già passata. Con i 16 punti di Egonu, i 13 di Chirichella, gli 11 di Sylla, i 9 di Sorokaite, i 6 di Danesi e i 3 di Malinov. Ingressi per Orro e Folie nel primo set, per Parrocchiale in tutti e 3. 
















 
© RIPRODUZIONE RISERVATA