Sky e David di Donatello: la luna di miele è già finita

Giovedì 7 Settembre 2017 di Marco Castoro
Dopo due anni di matrimonio la luna di miele tra Sky e il David di Donatello è già finita. Quindi - salvo sorprese dell'ultim'ora o l'arrivo di un altro network acquirente - nel 2018 la cerimonia dell'assegnazione dei premi cinematografici tornerà alla Rai. Sky aveva chiesto all'organizzazione alcune modifiche su regolamento e procedura, ma l'Ente dell'Accademia ha risposto picche. E di conseguenza le strade si sono inevitabilmente divise.

TROPPI PREMI
Secondo Sky il metodo di voto deve essere rivisto. Troppi i componenti che fanno della giuria una struttura simile a un pachiderma. A votare ci sono candidati e premiati degli anni precedenti, assemblea fondatori e consiglio direttivo, gli esponenti di cultura, arte, industria e spettacolo, tra i quali personaggi di spicco e vip. Il contenzioso è nato su questa componente. Sky ha chiesto di tagliare l'ultima categoria, quella che raggruppa la società civile, ma l'Ente non ha accettato.

Un altro nodo al pettine che Sky non ha mai gradito è il numero elevato dei premi, oltre le venti statuine. I vertici della tv satellitare hanno chiesto invano una riduzione di almeno un terzo dei riconoscimenti. Per rendere i David di Donatello più credibili ed evitare quell'usanza tutta democristiana di accontentare un po' tutti, distribuendo premi a destra e a manca. L'esempio più clamoroso è la statuetta al miglior produttore in aggiunta a quella del miglior film. Da nessuna parte è così, perché la pellicola che vince rappresenta anche il successo del produttore. È un po' singolare scorporare i due riconoscimenti.

Non ci sarà Paola Saluzzi alla guida del programma di approfondimento di SkyTg24 Dentro i fatti. La conduttrice si è presa una pausa di riflessione nei confronti del telegiornale diretto da Sarah Varetto. Pur non avendo un contratto esclusivo con il network satellitare, la Saluzzi ha deciso di dedicarsi interamente a Tv2000, scegliendo l'emittente cattolica per andare in video. Il suo nuovo programma, Ritratti di coraggio, va in onda dal 2 settembre, al sabato dalle 9:10 (in replica la domenica alle 9:20). Si tratta di dieci incontri con altrettante storie.

Unico filo rosso: il coraggio. La prima puntata è andata molto bene: share 1,24%, che per Tv2000 rappresenta un risultato oltre la media. La Saluzzi aveva già lavorato nella tv cattolica dal 2005 al 2009 con il programma NovecentoControluce.

Per SkyTg24 si tratta un'altra perdita importante, dopo il passaggio di Gianluca Semprini a RaiNews. Per quanto riguarda la ripresa del programma di approfondimento orfano della Saluzzi si stanno studiando nuovi formati. Ultimo aggiornamento: 9 Settembre, 22:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma