Insulti a Cristina Parodi, l'assessora di Cascina costretta a dimettersi

Insulti a Cristina Parodi, l'assessora di Cascina costretta a dimettersi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Ottobre 2018, 17:22 - Ultimo aggiornamento: 19:01

Lo scontro con Cristina Parodi è costato le dimissioni a Sonia Avolio, assessore del Comune di Cascina (Pisa), che in un video si rivolgeva alla giornalista con insulti espliciti e sessisti. A innescare la reazione della politica toscana era stata una dichiarazione della presentatrice, secondo la quale l'ascesa della Lega di Matteo Salvini è «dovuta alla paura e anche all'ignoranza».

LEGGI ANCHE Cristina Parodi, gli insulti sessisti dell'assessore di Cascina

«Nella vita sono sempre stata abituata a difendere le mie idee e le mie scelte con tutta me stessa, senza mai optare per la via più breve e più agevole, viceversa non avrei mai potuto essere una donna di destra in un territorio storicamente rosso come quello pisano - afferma Avolio - Questo mio essere sempre schietta, sincera e coerente, mi porta anche a riconoscere gli errori che, inevitabilmente e come tutti, commetto. Per questo ho scelto di restituire le deleghe da assessore al comune di Cascina». «Ho lavorato due anni da assessore - dichiara Avolio - mettendo sempre al primo posto della mia azione amministrativa i cittadini di Cascina, iniziando dai più deboli, dagli ultimi, dai più bisognosi. A loro rivolgo oggi le mie scuse più sentite, qualora si fossero sentiti offesi e traditi dalle polemiche che mi hanno travolto negli ultimi giorni».

La sindaca Susanna Ceccardi su Facebook così commenta il gesto dell'assessore: «Sonia si è dimessa. La ringrazio e ringrazio Fratelli D'Italia per aver preso questa decisione sofferta. Ora aspettiamo anche le scuse di Cristina Parodi a milioni di italiani che sono stati definiti ignoranti, solo per aver votato la Lega. La Parodi dimostrerà la stessa maturità di Sonia Avolio nel chiedere scusa e fare un passo indietro?»

«In un mondo, quello della politica, dove le dimissioni sono merce sempre più rara, non ci resta che riconoscere a Sonia tutta la serietà e la dignità che spetta solo a chi è giudice inflessibile con sé stesso e chi riesce ad ammettere i propri errori - affermano Francesco Torselli e Giorgio Vannozzi, rispettivamente portavoce regionale e provinciale di Fratelli d'Italia, partito di cui Avolio fa parte - certo, fa sorridere, per non dire di peggio, leggere di tutte le anime belle della sinistra che si scandalizzano per le parole usate da Sonia in un video su Facebook». «Per quanto criticabili e sbagliate nei toni, se c'è qualcuno che deve soltanto tacere, questi sono i rappresentanti del Pd, della sinistra e di tutti coloro che hanno infarcito, e continuano ad infarcire, i social e la rete con post, video ed uscite cariche di volgarità, di odio e di violenza. Oppure hanno dimenticato, questi fenomeni, quello che hanno detto e scritto sulle donne del governo Berlusconi?» «Ora che sono arrivate le scuse di Sonia - concludono Torselli e Vannozzi - aspettiamo con ansia quelle di una dipendente del servizio pubblico (Cristina Parodi, ndr) che, mentre percepisce uno stipendio pagato con i soldi degli italiani, si permette di offenderne una bella fetta, dando loro degli ignoranti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA