Bobby Solo riabbraccia la figlia Veronica dopo anni: «Ho sofferto molto»

Domenica 14 Ottobre 2018 di Valeria Arnaldi
Bobby Solo
«Quando ci siamo ritrovati, è come se mi fossi tolto dalla pancia un rinoceronte». Bobby Solo, a Domenica Live, incontra la figlia Veronica Satti, classe 1990, che non ha visto per anni, da quando la ragazza aveva tredici anni.

LEGGI ANCHE Uomini e Donne, Rocco Di Perna morto suicida: fu concorrente del trono over

Molti, nel corso di due anni, gli appelli che Veronica ha lanciato dallo studio di Domenica Live. E così, è qui, sotto i riflettori, che Barbara D’Urso chiude la storia che ha seguito per tante puntate.
«C’è stata una persona che mi ha consigliato, forse male, forse bene - dice Bobby Solo, che ringrazia Barbara D’Urso per l’impegno dedicato alla storia negli anni - mi diceva di non entrare nel tritacarne mediatico, altrimenti sarei venuto volentieri anche io da te. Anche io ho sofferto molto. Ora che tutto è finalmente concluso mi sento liberato».

«È assurdo che un padre incontri una figlia in televisione, ma la televisione serve anche a questo», sottolinea Barbara D’Urso. Poi, l’incontro, che la conduttrice organizza in un set speciale, la ricostruzione della stanza di Veronica. Tra gli applausi, l’abbraccio tra padre e figlia.

«Venite in studio - dice poi Barbara D’Urso - voglio vedervi insieme davanti a me, ce lo siamo meritati tutti». E davanti all’abbraccio, la conduttrice commenta: «Mamma mia, il cuore!».
Commossi Bobby Solo e Veronica.
«Questa volta - commenta Bobby Solo - mi tocca veramente una lacrima sul viso».
Poi, Barbara D’Urso manda in onda una mini-fiction sulla storia d’amore tra Bobby Solo e la madre di Veronica, Mimma Foti.

La sorpresa in studio è l’arrivo del piccolo Ryan, ultimo figlio di Bobby Solo.
«Tracy è stata eccezionale - commenta Bobby Solo, parlando della moglie  e del ruolo che ha avutonel riavvicinamento - è stata fondamentale». 
  Ultimo aggiornamento: 15:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani