Asia Argento in lacrime ricorda Bourdain: «A volte non mi alzo dal letto. Weinstein? Ecco la verità»

Sabato 13 Ottobre 2018
1
Asia Argento in lacrime a Verissimo: «A volte non riesco nemmeno ad alzarmi dal letto»

Asia Argento in lacrime a Verissimo. L'attrice finita nell'occhio del ciclone per le accuse di stupro da parte dell'ex baby attore Jimmy Bennett si è messa a nudo rivelando dettagli delicati ed intimi della propria vita. «A volte non riesco nemmeno ad alzarmi dal letto», ha confessato ricordando l'ex compagno chef Anthony Bourdain, morto suicida. Mentre sul caso Weinstein, che la Argento ha accusato di violenza sessuale, ha detto: «È stato un gesto kamikaze, ho dato fastidio ai potenti, ma lo rifarei». 

LEGGI ANCHE Asia Argento fuori da XFactor si "consola" con l'amico americano: paparazzata a Villa Borghese

«Sono sempre stata una persona insicura, ma con un certo bisogno di esprimermi. Ho avuto un'infanzia breve, proprio per questo, in un certo senso, sono rimasta un po' bambina. Sono stata la prima al mondo a denunciare le molestie di Harvey Weinstein, un predatore seriale che aveva seguito lo stesso modus operandi. Il mio duro discorso a Cannes? Le proteste in tutto il mondo erano state troppo blande rispetto alla rabbia che ho provato e provo ancora oggi».

La denuncia di Asia Argento sul New Yorker aveva fatto sorgere il movimento del #MeToo. L'attrice e regista commenta così: «Tutti sapevano cosa faceva Weinstein, io sono stata la prima a denunciarlo e quella che ha pagato di più. Non potevo immaginare che dietro Weinstein ci fosse un intero sistema, pronto a farmela pagare. Ho dato fastidio e sto pagando le conseguenze, ma lo rifarei: qualcuno doveva farlo. Negli anni ho sofferto depressione, disturbi ossessivi-compulsivi, stati di ansia e agorafobia. Tutto per colpa di Weinstein». Asia Argento, poi spiega: «Ho subito le prime molestie a 16 anni, ma la prima violenza sessuale vera e propria è avvenuta per opera di Weinstein. I miei non sapevano nulla, poi dissi a mio padre: "Ricordi la scena di stupro nel mio film?". Lui in quel momento capì».
 

 
 

Si passa poi al caso riguardante Jimmy Bennett, il giovane attore, allora minorenne, che aveva chiesto ad Asia una grossa somma di denaro in cambio del proprio silenzio: «Lo conosco da quando ha sette anni. Abbiamo lavorato insieme, lui mi seguiva sui social e mi cercava sempre. Mi confessò che ero il suo sogno erotico da sempre e mi saltò addosso, poi all'improvviso arrivò la richiesta di tre milioni di dollari. Io in quel momento avevo non più di cinquemila euro sul mio conto, loro miravano ad estorcere denaro ad Anthony (Bourdain, ndr), che era molto più ricco di me, e infatti lo attaccarono subito prima di quella richiesta». La voce di Asia Argento si fa sempre più grave nel corso dell'intervista con Silvia Toffanin, ma è solo quando si parla del suicidio di Anthony Bourdain, il suo compagno, che l'attrice esplode in un pianto disperato: «Nessuno aveva capito il suo malessere, io sicuramente no. La depressione è una malattia molto grave, chi si uccide di certo non lo dice prima. Mi manca sapere che c'è, mi mancano i suoi messaggi, mi manca vederlo e sentire la sua voce. Non ho più forze, ma devo proteggere me stessa e i miei figli. Ora Anna Lou, la più grande, sta col padre (Morgan, ndr) e non riesco ad occuparmi neanche del più piccolo, che ha dieci anni».

Ogni ricordo ravviva un dolore mai davvero lenito e Asia Argento non ne vuole sapere di vedere un filmato preparato dagli autori di Verissimo su Anthony Bourdain: «Il giorno prima di uccidersi, al telefono, aveva una voce strana. Mi disse di aver bevuto e mangiato troppo, per quello non realizzai cosa stesse per succedere. Ora non mi interessa più niente, neanche i continui attacchi della gente: il dolore è così forte da far passare tutto in secondo piano. Non riesco più neanche a vedere le sue foto, ma ogni tanto devo farlo». Si è poi parlato della sua esclusione da X Factor per le vicende legate a Jimmy Bennett: «Mi è sembrata una decisione inspiegabile, la cosa più bella è stata il grande supporto ricevuto dai telespettatori, dagli altri giudici e anche dai ragazzi impegnati nel talent. La produzione, però, ha fatto altre scelte, le rispetto».

Ultimo aggiornamento: 19:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Troppi turisti, meglio misurare qualità ed educazione di chi viene a Roma

di Mauro Evangelisti