Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sul palcoscenico rivivono le “gesta” di Gigi Riva

Gigi Riva
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Ottobre 2018, 16:18

Un omaggio a Gigi Riva, l'uomo divenuto mito del calcio italiano, il bomber che disse no alla Juventus e alle altre grandi del nord, il "poeta realista" come lo definì Pierpaolo Pasolini. Il sipario sulla stagione di teatro La Vetreria di Pirri, a Cagliari, si apre venerdì 19, alle 21, con il debutto del nuovo spettacolo del Cada Die Teatro "Riva Luigi '69 '70 - Cagliari ai dì dello scudetto" scritto, diretto e interpretato da Alessandro Lay.

Riflettori accesi sul celebrato "Rombo di tuono", il capocannoniere che ha portato in Sardegna lo scudetto nel 1970. Un riscatto sociale per tutta l'Isola. Una data storica che Lay rievoca nella piece dedicata al fenomeno in un flusso di memorie che si intrecciano.
«Quella legata a Gigi Riva che arriva fino ai giorni nostri, intervallata da altre memorie, con richiami autobiografici, quella di un bambino che aveva 8 anni all'epoca dello scudetto, quella di una Cagliari in quegli anni vista attraverso i suoi occhi» spiega Lay. 

   
«Gigi Riva ha letto e approvato il copione» ha detto Giancarlo Biffi, direttore artistico del teatro alla Vetreria. Il racconto di Alessandro Lay abbraccia la dimensione sportiva, umana e esistenziale dell'uomo e calciatore Gigi Riva. «Non ricordo molto dello 'scudetto', ma ricordo come era la città, come ci vestivamo, come ci appendevamo ai tram per non pagare, l'album della Panini e le partite a figurine sui gradini della scuola elementare - racconta ancora Lay - ricordo il medagliere, con i profili dei giocatori del Cagliari sulle monete di finto, fintissimo oro da collezionare. E ricordo vagamente un ragazzo schivo, a volte sorridente, che guardava sempre da un'altra parte quando lo intervistavano. Un ragazzo che puntava i pugni in terra e si faceva tutto il campo correndo ogni volta che segnava un gol».

© RIPRODUZIONE RISERVATA