Napoli: il teatro dei burattini debutta in streaming con l'opera del mastro burattinaio Ferraiolo e la direzione di Marisa Laurito

Napoli: il teatro dei burattini diventa streaming con l'opera del mastro burattinaio Ferraiolo e la direzione di Marisa Laurito
3 Minuti di Lettura
Martedì 5 Gennaio 2021, 11:44

I burattini del maestro Adriano Ferraiolo di Napoli debuttano in streaming. L'appuntamento è online il 5 e 6 gennaio 2021. Il teatrino, gratuito per i spettatori che lo seguiranno comodomente da casa, sarà offerto dal Teatro Trianon Viviani di Napoli, diretto con maestria vulcanica dall'iconica artista napoletana Marisa Laurito. 

Per tutto il periodo natalizio il teatro Trianon Viviani a Forcella, trasmetterà on-line gratuitamente spettacoli teatrali, di vari generi, dalle commedie al musical di canzoni napoletane atti unici di Raffaele Viviani. Il Direttore Artistico, l'attrice Marisa Laurito ha voluto dedicare ampio spazio all'infanzia e l'adolescenza, con il mondo dei burattini chiamando a sé il maestro Adriano Ferraiolo erede con i suoi figli e nipoti, della famiglia di Burattinai più antica al mondo, portando in scena una commedia del grande Antonio Petito, Atto. del 1853 "A Scampagnata de due disperate". Ovvero "Mo' vene Natale un tengo denare".

La rassegna teatrale continuerà fino al giorno della Befana, infatti il 5 gennaio 2021 i burattini Ferraiolo saranno trasmessi sul Sito "Campania Cultura Viva" alle ore 16, portale Dell'Ecosistema Digitale per la Cultura. Mentre il 6 gennaio 2021 si concluderà questo originale progetto artistico teatrale alle ore 11, sul sito web del Teatro Trianon Viviani.

«"Il teatro non si ferma" neanche la pandemia può fermarlo» ci tiene a precisare la Laurito, «perché la cultura è un servizio pubblico per i cittadini e per il lavoro di Artisti e tecnici. Lo streaming non sostituisce ne' potrà mai sostituire la bellezza dello spettacolo o la visione di un'opera d'arte da vicino: è un'altra forma di fruizione dalle grandi potenzialità che andranno sviluppate oltre l'emergenza sanitaria». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA