Pippi Calzelunghe fa 50, l'attrice Lindgren: «Per me lei resta un modello positivo»

Giovedì 3 Settembre 2020
Pippi Calzelunghe
«A una ragazza di oggi Pippi Calzelunghe direbbe di essere se stessa, di vestirsi come le pare e di non fare come gli altri se non ne è sicura. Quando uscì il libro di Astrid Lindgren, e la stessa cosa accadde con la serie tv, alcuni non ritennero questo personaggio adatto ai bambini. Ma per me lei resta un modello positivo». Basta guardarla bene e si ritrovano sul suo bel viso maturo le tracce di quel volto birichino, con le treccine color rosso carota lasciate a mezz’aria e le lentiggini, che tanto ha appassionato bambini e adulti in tutto il mondo: Inger Nilsson, l’attrice che da ragazzina ha interpretato Pippi Calzelunghe nella serie tv anni ‘70, è ancora legata a doppio filo a questo personaggio, come se il tempo non fosse passato. Con il documentario Ecco sono qui - In viaggio alla scoperta di Pippi Calzelunghe, realizzato nel 2010 a Stoccolma, Nilsson sarà in onda su DeAJunior (Sky, 623) il 5 settembre alle 13.05 nel corso di un weekend importante, durante quale il canale per ragazzi e genitori del gruppo De Agostini Editore festeggerà con il pubblico i 75 anni dall’uscita del libro di Astrid Lindgren e i 50 anni dalla prima messa in onda Rai della celebre serie con una programmazione ad hoc. L’appuntamento è con una lunga maratona il 5 e 6 settembre per vedere tutti insieme gli episodi della serie, che poi sarà in onda dal 7 settembre, dal lunedì al venerdì, ogni giorno alle ore 9.10 sempre su DeAJunior. «Tutti vorrebbero essere come Pippi e, sebbene mi sorprenda il successo che ancora oggi riscuote, credo che ciò che la rende universale sia il suo essere gentile, il fatto di usare la fantasia e di fare quello che vuole», dice  l’attrice svedese.  © RIPRODUZIONE RISERVATA