Francesco Montanari e Alessandro Bardani strappano applausi al Parioli

Sabato 1 Dicembre 2018 di Roberta Savona
Francesco Montanari e Alessandro Bardani. Foto Daniele Cama

«Luigi conosceva Francesco, ne aveva stima ed era sempre pronto a dar spazio ai giovani. Io e mio figlio continueremo nel suo nome, facendo su questo palco anche e non solo teatro di tradizione. Lo faremo, ma in altro modo». Il modo è quello che la signora Laura De Filippo e Nanni Venditti, direttore artistico del rinnovato Parioli Theatre Club, stanno scoprendo dall'interno, modificando l'assetto di un teatro che dopo Luigi De Filippo avrebbe potuto addormentarsi, mentre ora è desto e ha braccia, gambe e cuore giovani, che viaggiano e pulsano a tempo di spettacoli ogni giorno differenti. Sono queste le parole che Laura De Filippo declama al numeroso e caldo pubblico che si è riunito in Via Giosuè Borsi per assistere allo spettacolo La Più Meglio Gioventù, esilarante faccia a faccia tra due amici, scritto e diretto dall'autore e attore Alessandro Bardani in scena con Francesco Montanari. Due amici che hanno voglia di cambiare le cose, di darci dentro, ma che si ritrovano ancora una volta a rimandare a domani.
 

 

Un reading comico che strappa applausi ad ogni battuta, con la leggera ma dissacrante scrittura di Bardani, ispirata da grandi lavori cinematografici come Clerks o Coffee and Cigarettes, con omaggi al teatro canzone di Gaber o al cinema di Woody Allen, ma anche a grandi maestri del teatro come Beckett, cui si aggiungono i racconti di vita vissuta fuori e sopra il palco, a sfatare quel mito che il teatro sia noioso o solo per pochi eletti. Ma gli eletti del Parioli nella serata di venerdì 30 novembre non sono affatto pochi e confermano quel fermento giovanile capitolino che gli stessi Bardani e Montanari, curatori di una vera e propria Rassegna di Teatro Indie, hanno voluto premiare nell'arco della stagione del nuovo Parioli, dando spazio alla genialità di artisti come Valerio Lundini o a spettacoli come GoodBye Totti di Marco Castaldi, Filippo Santaniello e Josafat Vagni, oppure  L'amore è una sostanza stupefacente di Paola Pessot e lo stesso Bardani. Una folla di amici e giovani creativi ride di gusto agli sketch-comedy dei colleghi sul palco. Tra il pubblico si vedono anche lo sceneggiatore Fabio Morici insieme all'attore Alessandro Parrello, l'autore Marco Cataldi insieme a Paola Pessot, Josafat Vagni e al digital strategist Daniele Dezi e poi ancora il regista e autore Davide Marengo e l'attore Giorgio Caputo.
 

Ultimo aggiornamento: 20:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti