"King" Morales torna all’Eur, Berlino strega San Lorenzo

Giovedì 8 Marzo 2018 di Marco Pasqua
Non tutti i dj possono vantare un Grammy, come miglior remixer. Anche per questo, David Morales, classe 1961, nato e cresciuto a Brooklyn, rappresenta un caso unico. Una carriera che inizia a 20 anni, quando lancia il suo party, a New York, all’Ozone Layer, attingendo a due dei disco-club più forti del momento (Il Paradise Garage, chiuso nel 1987 e il The Loft). Il suo percorso da dj segue, di pari passo, quello di remizxer: ed è in questo campo che diventa presto molto popolare (dopo aver fondato con Frankie Knuckles la Def Mix Productions). Ha remixato e prodotto per artisti che hanno fatto la storia della musica, come Mariah Carey, Aretha Franklin, Michael Jackson, Eric Clapton, U2, Jamiroquai e Whitney Houston. E’ superfluo dire che sia di casa nei club più grandi al mondo, a partire da quelli di Ibiza, anche se ormai vive in Italia. Sabato infiammerà l’Eur e il pubblico del Room 26, che considera una sua casa. Della sua mission dice: «Voglio dar vita ad un luogo dove la gente sia in grado di dimenticare per un po’ i propri dispiaceri».

Chi torna volentieri nella Capitale è anche Ellen Allien, ormai produttrice, owner della label Bpitch Berlin e, adesso, anima dello show “We are Not Alien”. All’Ex Dogana, sempre sabato, sarà non solo dj ma anche direttrice artistica. Al suo seguito, in consolle, ci saranno alcune delle migliori proposte della musica made in Berlin: Cleric, Dj T-1000 e Serge Clone. L’area audio-video dello spazio sanlorenzino ospiterà una video-installazione a cura di uno studio berlinese.

marco.pasqua@ilmessaggero.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Basta con l'oltraggio ultrà al centro di Roma

di Alvaro Moretti