Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Yoko Ono rivela: «John Lennon aveva pulsioni bisessuali»

John Lennon e Yoko Ono
di Giacomo Perra
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Ottobre 2015, 11:28 - Ultimo aggiornamento: 12:55

John Lennon bisessuale? Sì, ma solo in teoria. A lanciare la “bomba” è nientemeno che Yoko Ono, vedova della popstar britannica assassinata a colpi di rivoltella da Mark Chapman l’8 dicembre del 1980. Secondo la cantautrice e musicista giapponese, il frontman dei “Beatles” avrebbe nutrito pulsioni nei confronti degli uomini senza però andarci mai a letto. “Penso che abbia avuto desideri, ma credo che fosse troppo inibito”, ha affermato in un’intervista al portale d’informazione thedailybeast.com, per poi precisare: “No, non inibito. All'inizio dell'anno in cui è stato ucciso, John mi disse: “Avrei potuto farlo. Non mi importa se c’è un ragazzo incredibilmente attraente: dovrebbe essere attraente non solo fisicamente ma anche mentalmente. E non è facile trovare gente così'”.

A precisa domanda sulla possibilità che Lennon sia davvero riuscito a scovarla da qualche parte del mondo, l’ottantaduenne artista ha sgombrato (quasi) ogni dubbio: “Non credo”.

La Ono ha poi smentito il gossip secondo cui il defunto marito avrebbe avuto una relazione sessuale col manager dei “Fab Four” Brian Epstein: “Mi è stato detto che è stata una storia molto esplicita, ma credo che non siano mai andati a letto”.

Spostando il discorso sulle sue pulsioni, l’interprete di “Give Peace a Chance” ha ammesso di possedere “una sessualità estremamente vecchio stile” e di non avere mai provato “un forte desiderio sessuale verso altre donne”. Tutt’altra storia se si parla di pura attrazione per il gentil sesso: “Be’, questo è diverso - ha confidato al suo interlocutore -. John e io ne abbiamo parlato molto, dicendo che in fondo, tutti dovremmo essere bisessuali. E siamo giunti alla conclusione di non esserlo stati a causa della società. In sostanza, abbiamo nascosto un lato di noi stessi, quello meno accettabile”.