X Factor nel segno del ciclone Victoria: la nuova giuria presentata al Palalottomatica

La giuria di X Factor
di Niki Barbati
3 Minuti di Lettura
Domenica 22 Giugno 2014, 03:26 - Ultimo aggiornamento: 26 Giugno, 14:08

Bel caratterino Victoria Cabello! Non lasciatevi ingannare dalla frangetta e dal sorriso perenne: sarebbe un errore fatale. Ne sa qualcosa Morgan che, durante la conferenza stampa di presentazione al Palalottomatica della giuria di X Factor, ha incautamente affermato che «Beethoven è la prima vera rockstar».

Nemmeno il tempo di finire la frase e Victoria l’ha bloccato: «Ma che dici? È stato Rossini il vero rocker, il primo capace di vivere della propria musica». A Morgan, sempre più simile alla Crudelia De Mon della Carica dei 101, non è restato altro che tormentarsi per la milionesima volta i capelli bianchi e neri presi a prestito dal cartoon Disney e aggiungere tra i denti «sì, ma Lizst era più figo».

Pochi minuti e Victoria miete un’altra vittima: Fedez, che affrettatamente, riferendosi senza malizia a un viaggio insieme, parla di un «prolungato contatto fisico» con l’ex volto di Mtv. «Ma sei pazzo? Se ci fosse qui il mio fidanzato ti tirerebbe una scarpata!». Se al quadretto aggiungiamo Mika («sono un sordo selettivo, capisco solo quello che voglio») il cocktail è perfetto. Ed esplosivo. Insomma non ci sarà modo di rimpiangere Simona Ventura ed Elio.

Le novità. L’ottava edizione del talent, la quarta firmata Sky, punterà ancor più sul talento, sulla gara grazie alla trasformazione dei “bootcamp” in vero e proprio show con il pubblico e sulla musica con l’introduzione di quattro producer all’interno di ogni categoria. «In base all’esperienza dell’anno precedente - spiega Andrea Scrosati, vice presidente dei programmi Sky - cerchiamo sempre di migliorare, adesso puntiamo sulle location delle audizioni e sul coinvolgimento del pubblico che passerà da 500 a oltre 2000 unità diventando parte attiva del racconto». Parola d’ordine di X Factor la ricerca del talento: «No talent no show» come sintetizza Nils Hartmann, direttore di produzione dell’emittente satellitare. Senza personaggi non c’è spettacolo.

«Le novità strutturali sono inevitabili - spiega il conduttore Alessandro Cattelan - le sensazioni della vigilia invece sono sempre le stesse: la curiosità di vedere se si scova altri talenti all’altezza, sembra impossibile eppure ogni volta emergono ragazzi migliori».

Volti nuovi. Oltre alla Cabello inserita in giuria «per la profonda conoscenza del mercato discografico italiano - come spiega Mika - perché è esperta di marketing e in quanto figura zen, lei è il Buddha che porta feeling di pace». E qui si apre un altro simpatico siparietto di fraintesi e successive spiegazioni visto che la pronuncia inglese di Mika rende la parola “zen” molto simile a “osè”. Altra new entry il rapper e cantautore Fedez (rigorosamente con l’accento sulla seconda e) che è il più giovane giudice di X Factor. «La cosa che mi ha colpito delle selezioni? L’aver scoperto - dice - giovani estemporanei che sembrano usciti dalla macchina del tempo. Poi, per il resto, tutto bene: io non capisco quello che dice Mika e lui altrettanto».

La sfida tra i giurati è aperta: tutti contro tutti e in particolare contro il veterano Morgan che ha vinto cinque volte su sei. «Per quanto mi riguarda - annuncia - questa è l’ultima edizione cui partecipo» ma visto che sono sei anni che lo dice finisce solo con lo scatenare le risate di tutti. «Sono serio, è l’ultima volta ma farò il giurato con grande entusiasmo e passione per la musica».

© RIPRODUZIONE RISERVATA