Spice Girls, il ritorno nel 2023: in preparazione un tour ma senza Victoria Beckham

Le Spice Girls
di Leonardo Jattarelli
4 Minuti di Lettura
Domenica 14 Novembre 2021, 17:19 - Ultimo aggiornamento: 17:37

Dalla reunion inglese al resto del mondo. E così sembra che le Spice Girls siano in trattative per affrontare un tour mondiale nel 2023, dopo il successo dei loro concerti negli stadi del Regno Unito nel 2019.
Mel B, Emma Bunton e Geri Horner sono state avvistate infatti venerdì scorso all’arrivo all’elegante Mandeville Hotel di Londra. Secondo quanto riferito da alcune fonti, anche Melanie C si sarebbe unita ai membri della band tramite Zoom da Los Angeles, mentre il quartetto cerca ancora di convincere l’assente Victoria Beckham ad apparire con loro in uno show.

La stessa fonte ha spiegato al “The Sun”: «Le quattro ragazze hanno discusso di un tour mondiale per un po’, e questo incontro - molto confidenziale - è stato messo tra gli appuntamenti da discutere per appuntare gli ultimi dettagli. Per ora sembra che il tour comincerà in Australia e da lì in vari paesi del mondo. Sono tutte molto entusiaste del fatto che i meccanismi si siano di nuovo messi in moto e sperano di offrire ai loro fan un tour del 2023 più grande e migliore di quello del 2019». La fonte ha continuato affermando che «la “superfan” Adele sarà “sicuramente” tra il pubblico dopo aver detto a Mel B che assistere al loro spettacolo più recente allo stadio di Wembley ha reso il suo anno meraviglioso».

Le hitmaker di Wannabe hanno compiuto un famoso tour nel Regno Unito due anni fa senza però Victoria Beckham che aveva deciso di non partecipare, e hanno rastrellato 4 milioni di sterline.
All’epoca, Victoria aveva detto a Vogue Germania: «Mi ci è voluto molto coraggio per non andare di nuovo in tournée con le Spice Girls, ma ho pensato che non lo avrei fatto perché le cose sembrano diverse ora rispetto a diversi anni fa. Preferisco concentrarmi sulla mia famiglia e sulla mia azienda».

Secondo quanto riferito da un’altra fonte, Victoria Beckham avrebbe anche rifiutato di registrare alcuni pezzi davanti alla telecamera per un gioco online insieme ai suoi ex membri della band. I restanti quattro membri si sono diretti infatti ai Black Island Studios di Londra mentre Victoria è rimasta in America con sua figlia Harper. 
Sembra che siano intenzionate a portare avanti il progetto online: «La speranza - ha detto una fonte vicina alla band - è che non passerà molto tempo prima che possano mostrare le registrazioni ai fan perché è qualcosa che hanno in cantiere da un pò».
«È una delle tante cose su cui stanno lavorando - hanno detto loro - incluso un film d’animazione, e si spera che tutto questo aiuti a celebrare la forza delle Spice Girls».

Le origini

Il gruppo si forma nel 1994, quando Bob Herbert e il figlio Chris mettono un annuncio sul quotidiano inglese The Stage, perché interessati a creare un gruppo pop tutto al femminile, sul modello delle boyband che spopolano in quel periodo, come i Take That. Nel marzo del 1994, i due mettono il seguente annuncio: «Are you street smart, extrovert, ambitious and able to sing and dance?» («Siete spregiudicate, estroverse, ambiziose e capaci di cantare e di ballare?»).

Centinaia di ragazze rispondono all’annuncio, ma ne vengono scelte solo cinque: Geri Halliwell, Melanie C, Melanie B, Victoria Adams e Michelle Stephenson. Formano così un gruppo chiamato Touch e vanno a vivere tutte insieme in una casa a Maidenhead. Nei due mesi successivi le Touch registrano vari demo ai Trinity Studios nei pressi di Woking. Successivamente, però, Michelle decide di abbandonare il gruppo per incomprensioni con gli altri componenti o, come sostengono in molti, per proseguire i suoi studi.

Victoria Beckham

Subito dopo l’abbandono della Stephenson, si cerca una sostituta: viene scelta la diciottenne Emma Bunton, dietro suggerimento di Victoria. La rottura con gli Herbert avviene nel marzo 1995: deluse dall’atteggiamento nei loro confronti e in disaccordo sulle scelte artistiche imposte, le cinque lasciano la Heart Management che le aveva scoperte. Si rivolgono a Elliot Kennedy e si uniscono alla 19 Management di Simon Fuller. Durante l’estate di quell’anno le ragazze si propongono a numerose etichette discografiche, e nel settembre del 1995 firmano un contratto con la Virgin Records. Da quel momento, cominciano a scrivere testi e a registrare le canzoni del loro album di debutto, prima di sfondare, l’estate successiva e per diversi anni nel mondo del pop.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA