SANREMO 2020

Ricchi e Poveri, reunion 39 anni dopo a Sanremo: «Lo strappo si è ricucito»

Mercoledì 5 Febbraio 2020
Ricchi e Poveri, la reunion 39 anni dopo a Sanremo: «Lo strappo si è ricucito»

"La prima cosa bella" oggi è solo una: «l'amicizia». Lo dicono all'unisono i Ricchi e Poveri, a Sanremo per festeggiare i 50 anni della hit portata al successo con Nicola Di Bari. L'entusiasmo per l'inaspettata ReuniON del quartetto è tangibile sin dal loro arrivo in sala stampa. Angela Brambati, Marina Occhiena, Angelo Sotgiu e Franco Gatti sono sempre rimasti nell'immaginario collettivo la brunetta, la bionda, il biondo e il baffo dei Ricchi e Poveri. A 39 anni dall'uscita di Marina dal gruppo, eccoli di nuovo tutti al festival, dove presentano anche il nuovo singolo, "L'ultimo amore", cover di "Everlasting love (anno 1968)", in una nuova versione inedita. Ad orchestrare l'operazione ReuniON, che prevede anche un doppio album e un grande progetto live, è stato il manager Danilo Mancuso con la complicità di Gessica Giglio che ha gestito la riservatezza della notizia fino al giorno dell'annuncio ufficiale.

LEGGI ANCHE Gessica Notaro: «La maschera di Junior Cally? Lui fa show, io denuncio la violenza»
LEGGI ANCHE Sanremo, Le Vibrazioni e la lingua dei segni: ecco “l'interprete” Iandolo
 

 
 

«Ho parlato con ciascuno di loro - racconta Mancuso - e, non molti mesi fa, ci siamo ritrovati un pomeriggio a casa di Angelo. È stato incredibile come, dopo poco, si siano ritrovati a cantare sul divano come se il tempo non fosse mai passato». Sanremo rappresenta tanto per ciascuno dei Ricchi e Poveri, nel bene e nel male. Era il 1981 quando Marina lasciò il gruppo. I giornali scrissero che aveva «rubato il marito» alla mora e il gossip prese il sopravvento su tutto, tranne che sulla forza delle canzoni che continuarono a correre in giro per il mondo. Sempre mentre erano a Sanremo, nel 2013, per ritirare un Premio alla carriera, Franco fu raggiunto dalla terribile notizia del ritrovamento del corpo senza vita del figlio Alessio, un dolore che lo convinse a ritirarsi dalle scene. Ricordando Fabrizio De Andrè, Franco Califano ed Edoardo Vianello, che per primi li presero sotto la loro ala (il Califfo ideò il nome Ricchi e Poveri), i quattro amici ritrovati fanno pace con il loro passato. In particolare le due donne si tengono la mano in sala stampa e sdrammatizzano quanto accaduto.

«Sono stata io a voler andare via per delle cose mie. Non sono stata cacciata. Sono felice che, 39 anni dopo, questo strappo si sia ricucito», racconta Marina. Franco, al suo fianco, aggiunge: «Ci fu un pò di marasma, ma Marina non rubò il compagno ad Angela». Taglia corto la brunetta, con la sua solita vivacità: «Ma festeggiamo i 50 anni della "Prima cosa bella". Basta!». Il senso della ReuniON è quello di valorizzare un universo musicale unico che ha sempre creato condivisione attraverso la caratteristica leggerezza festosa del repertorio del gruppo. Nella seconda serata del festival, oltre al nuovo singolo e alle hit "Sarà perchè ti amo", "La prima cosa bella" e "Che sarà", ci sarà una gag con Fiorello che, appena appresa la notizia della ReuniON, aveva affidato a twitter il desiderio giocoso di essere il quinto dei Ricchi e Poveri. L'ultimo amore, prodotto da DM produzioni e distribuito da Artist First, è il singolo che anticipa l'uscita del doppio album prevista il 27 marzo e che sarà disponibile, a partire dall'esibizione sul palco dell'Ariston, in pre-order nella versione autografata e nella versione fan edition. L'album racchiude in 21 tracce tutti i successi del gruppo dagli anni '60 agli anni '90, in una nuova versione realizzata sotto la direzione musicale del maestro Lucio Fabbri.

Ultimo aggiornamento: 20:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani