Quaranta euro per un selfie col rapper Luché, lui si dissocia: «Iniziativa dei Pr». E offende i giornalisti

Martedì 12 Novembre 2019 di Marco Pasqua

«Quaranta euro per un selfie con me? Non ne so nulla. E, anzi, penso che l'organizzazione del locale si dovrebbe scusare». Il rapper napoletano Luché non ci sta a passare per quello che lucra sui selfie e, attaverso una serie di Stories su Instagram (in cui offende anche i giornalisti: "siete piccoli ignoranti", per citarne una), prende le distanze dalla discoteca in cui sarà ospite, il 23 novembre, a Brindisi. Era stato un pr di quel locale, su via Appia, a condividere una storia in cui "vendeva" a 40 euro il selfie con Luché. «Queste sono trovate dei Pr del locale per fare soldi all'evento - ha scritto su Instagram - Non c'entro nulla in questa cosa. Forse l'organizzazione del locale dovrebbe chiedere scusa».

Leggi anche:-> Vuoi la foto col rapper Luché? «Ingresso in discoteca e selfie a 40 euro»

Il manager del rapper, Enzo Chiummariello, ha sottolineato: «Non ne sapevamo niente, non è una nostra scelta, anzi non ci concediamo ai selfie primae dopo lo show. Bisogna prendersela con i pr che hanno tirato fuori questra trovata di cattivo gusto».

Ultimo aggiornamento: 21:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma