A S. Cecilia al via “Percorsi Jazz 2020” con Barre Phillips e Daniele Roccato

Venerdì 28 Febbraio 2020
Il contrabbasista Barre Phillips
Il Conservatorio Santa Cecilia, presenta, nella Sala Accademica del Conservatorio S. Cecilia di Roma, il festival Percorsi Jazz 2020, ormai giunto alla quattordicesima edizione con la direzione artistica di Paolo Damiani e Carla Marcotulli. Percorsi Jazz presenta come di consueto un programma con ospiti internazionali invitati a dialogare con i docenti e gli studenti del Conservatorio romano, diretto da Roberto Giuliani.

Il tema del 2020 è “L’improvvisazione attuale”. Domenica 1 marzo saliranno sul palco per la prima volta insieme Barre Phillips (San Francisco, Usa) e Daniele Roccato, due contrabbassisti che, provenendo da ambienti musicali diversi ma trasversali, hanno contribuito a scrivere la storia del loro strumento. Roccato lavora da anni all’interazione fra più contrabbassi, essendo il fondatore dell’ensemble Ludus Gravis e suonando anche assieme a Paolo Damiani, direttore artistico del festival. Barre Phillips è uno degli storici promotori e maestri di un’improvvisazione libera e sul contrabbasso, passato alla storia per essere stato il primo a registrare nel 1968 un intero album per solo contrabbasso. Tra le sue molte collaborazioni si annoverano quelle con musicisti di ricerca del calibro di Eric Dolphy, Jimmy Giuffre, Archie Shepp, Attila Zoller, Derek Bailey, Paul Bley, Dave Holland. A seguire, In canti di Fernando Diaz con l’Ensemble Vocale e Big Band del Dipartimento Jazz, direzione Carla Marcotulli. Parallelamente a Percorsi Jazz’ alla Casa del Jazz si terranno delle masterclass con alcuni musicisti presenti nel programma del Festival lunedì 2 marzo, Barre Phillips, L’improvvisazione ‘a solo © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi