Pappano trionfa a Parigi con la Argerich: «Con lei ogni concerto è un viaggio diverso»

Giovedì 7 Novembre 2019
Martha Argerich con il Maestro Antonio Pappano
Philarmonie gremita, pubblico in adorazione, alla fine entusiasmo, emozione e molti in piedi ad applaudire Martha Argerich con l'Orchestra dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia diretta da Antonio Pappano.

La serata di lunedì a Parigi, straordinaria per la sua intensità, è stata la prima tappa di una tournée dell'orchestra diretta da Pappano - con la Argerich e Francesco Piemontesi in alcune date - che inaugura la stagione concertistica fuori sede che ogni anno la porta ad esibirsi nei teatri e sale da concerto più prestigiosi al mondo.

Il pubblico francese è arrivato all'atteso appuntamento accogliendo con calore gli orchestrali e il direttore, impegnati in avvio di concerto con l'Ouverture da Euryanthe di Carl Maria von Weber per poi trasferire ogni emozione sull'arrivo in scena del pianoforte e dell'attesissima pianista argentino-svizzera.

L'esibizione della Argerich - il Concerto per pianoforte e Orchestra n. 1 di Franz Liszt - è andata via tutta d'un fiato e senza un battito di ciglia nella grande sala. La Argerich, 78 anni, ha emozionato, c'è voluto un istante di sospensione affinché il pubblico uscisse dalla sensazione di incanto prodotta dalla grande pianista.

Poi un tributo entusiasta di applausi e grida di incitamento, con l'artista e Pappano richiamati più volte in scena fin quando la Argerich - che molto raramente concede bis - ha eseguito Kinderszenen (Scene d'infanzia) di Robert Schumann. Un momento altissimo, di cui tutto il pubblico ha continuato a parlare durante il successivo intervallo.

Nella seconda parte, pubblico ancora molto vicino all'orchestra italiana - che per la terza volta si esibiva alla Philarmonie di Parigi - impegnata nella Sinfonia n. 2 di Robert Schumann. Finale con applausi, e l'Orchestra di Santa Cecilia e Pappano ad eseguire, fuori programma, le Antiche danze e arie per liuto dall'Italiana di Ottorino Respighi e La danza delle ore dala Gioconda di Ponchielli. 

Grande il successo in una sala che Pappano conosce bene: «Le orchestre italiane - ha detto prima dello spettacolo il Maestro - hanno nel loro Dna l'opera lirica. La mia è un'orchestra sinfonica ma ha questa comunicativa, questa teatralità e i colori che sono in grado di coinvolgere il pubblico».

«Martha Argerich - ha continuato Pappano - non è mai uguale a se stessa, abbiamo fatto tre concerti a Roma ed è stato sempre diverso. Io devo essere attento, pronto ed accompagnarla in questo viaggio che può essere sempre differente». Nella tournée, la Argerich sarà presente a Ginevra (7 novembre) e Lucerna (9) mentre per le date di Berna (5), Zurigo (8) e Lugano (10), sarà in scena Francesco Piemontesi con il Concerto per pianoforte e Orchestra n. 1 di Chopin. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma