Onorificenza dell'Ordine del Sol Levante a Morricone che annuncia: torno a dirigere per il Papa

Venerdì 29 Novembre 2019
Il Maestro Ennio Morricone
Al Papa non si può certo dire di no. E così Ennio Morricone, dopo l'addio alle scene dato con il concerto tenuto a Lucca il 29 giugno scorso, ha annuncia a sorpresa un ritorno alla direzione d'orchestra per il 2020. «L'anno prossimo ci dovrebbe essere un concerto nell'Aula Nervi, in Vaticano. Non me lo ha chiesto il Papa, ma comunque non potevo dire di no».

Novantuno anni appena compiuti, ma nessuna voglia di fermarsi per il Maestro, premio Oscar alla Carriera e firma di indimenticabili colonne sonore. «Ho anche scritto alcune cose: una per uno spot pubblicitario e un'altra, un po' scorbutica per chi deve eseguirla, che sarà diretta da mio figlio a inizio 2020 in piazza del Duomo a Milano. Ma non ha niente a che vedere con la musica da cinema, ma è musica che io definisco contemporanea», spiega, chiedendo di riportare che è senza voce per un malanno di stagione. «Mi raccomando, lo scriva».

L'annuncio del nuovo concerto arriva durante un incontro ristretto per la consegna dell'onorificenza dell'Ordine del Sol Levante, a Roma. Il Giappone, infatti, ha voluto rendere omaggio a Morricone «per i meriti acquisiti nella promozione dell'interscambio fra Giappone e Italia nel campo della composizione musicale - in particolare di colonne sonore per film».

«È un grandissimo onore per me», ha ringraziato Morricone, accompagnato da uno dei figli, ricevendo il riconoscimento e ricordando l'unico lavoro fatto in Giappone: «quando mi hanno chiesto di lavorare alla fiction di ambientazione storica Musashi, il mio timore era che mi chiedessero musiche tradizionali giapponesi, che non ero in grado di realizzare. Faccio musica europea, dissi loro, ma era proprio quello che chiedevano: il mio stile e niente altro. Fu una bella impresa».

Pergamena e Ordine sono stati consegnati dall'ambasciatore Keiichi Katakami. «Il Maestro Ennio Morricone, con le sue composizioni musicali per le opere dei registi più rappresentativi del mondo cinematografico italiano, ha contribuito notevolmente alla diffusione dei film italiani in Giappone, incrementandone la notorietà presso il pubblico giapponese - ha detto il diplomatico durante la cerimonia riservata a pochissimi invitati -. In particolare, Nuovo Cinema Paradiso è una delle pellicole italiane più amate dai giapponesi, e penso di non essere l'unico a rivivere le emozioni del film al solo ascoltare la melodia della colonna sonora».

L'ambasciatore ha poi sottolineato come Morricone, classe 1928, abbia «ampiamente dimostrato come la musica possa veicolare sentimenti, valicando ogni confine, con la colonna sonora dello sceneggiato di ambientazione storica Musashi». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma