A Macerata al via Musicultura, la festa della canzone. Sul palco anche Ermal Meta e i Subsonica

Al via Musicultura, la festa della canzone. Sul palco anche Ermal Meta e i Subsonica
4 Minuti di Lettura
Domenica 13 Giugno 2021, 21:22

Sta per iniziare la XXXII edizione di Musicultura. Dal 14 al 19 giugno, a Macerata, con il pubblico in presenza, prenderà vita la manifestazione dedicata alle espressioni artistiche della canzone popolare e d’autore, che dal 1990 ad oggi ha intercettato le aspirazioni creative di quasi 28.000 giovani e ha contribuito al ricambio generazionale della canzone italiana. Rai è media partner attraverso Rai Radio1, che è anche la radio ufficiale del Festival, Rai 2, TGR e Rainews24. Le due serate finali di spettacolo, il 18 e il 19 giugno alle 20.45 allo Sferisterio, l’arena neoclassica simbolo di Macerata e delle Marche, saranno condotte da Enrico Ruggeri, al terzo anno consecutivo al Festival, e da Veronica Maya. Durante le serate di 
Musicultura, andranno in scena set artistici peculiari, anche inediti, come è nel DNA della manifestazione, che coinvolgeranno sia ospiti affermati, sia i giovani artisti protagonisti del concorso.

Sul palco dello Sferisterio saliranno i Subsonica, Ermal Meta, Marisa Laurito, La Rappresentante di Lista, Michele D’Andrea, Gianmaria Coccoluto, Irene Grandi, Luciano Ganci e si conosceranno le proposte e le personalità degli otto vincitori del concorso. Tra gli ospiti coinvolti nell’ambito della Controra - la sezione ad ingresso libero del festival, che durante l’intera settimana anima piazze e cortili del centro storico con concerti, incontri, recital, dibattiti - figurano inoltre, Beatrice Antolini, Colapesce - Dimartino, Antonella Ruggiero, Maria Grazia Calandrone, Francesco Adornato, Mauro Covacich, Lorella Cuccarini, Valerio Calzolaio, Enrico Pandiani. La partnership tra Rai e  Musicultura garantirà all’evento una copertura qualificata. Rai Radio1, già attivamente coinvolta nell’iter preliminare del concorso, seguirà la fase finale con dirette e collegamenti a cura di Marcella Sullo, Duccio Pasqua, e John Vignola; Rai 2 metterà in onda una seconda serata in differita il 6 luglio, con il meglio delle due serate del Festival, Rainews24 e TGR completeranno il quadro di copertura dell’evento. 

Il concorso, che giunge quest’anno alla XXXII edizione, prevede una lunga selezione che all’inizio ha coinvolto 1.063 artisti e 2.126 canzoni. Dopo una prima fase di ascolto e scrematura e accurate audizioni live, 
Musicultura ha individuato una rosa di sedici finalisti. Tra loro, una votazione social ha eletto due degli otto vincitori, uno è stato designato da  Musicultura, i restanti cinque sono stati indicati ad insindacabile giudizio del Comitato Artistico di Garanzia, che in questa XXXII edizione è composto da Francesca Archibugi, Enzo Avitabile, Claudio Baglioni, Diego Bianchi, Francesco Bianconi, Brunori Sas, Luca Carboni, Alessandro Carrera, Guido Catalano, Ennio Cavalli, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Gaetano Curreri, Teresa De Sio, Niccolò Fabi, Frankie hi-nrg mc, Giorgia, Dacia Maraini, Gino Paoli, Antonio Rezza, Vasco Rossi, Ron, Enrico Ruggeri, Paola Turci, Roberto Vecchioni, Sandro Veronesi, Riccardo Zanotti.

Il cantautore Setak con Alestalé racconta il suo mondo in puro dialetto abruzzese

Gli otto artisti proclamati vincitori tutti autori dei brani che interpretano sono: Brugnano con "Canzoni da mangiare insieme"; Caravaggio con "Le cose che abbiamo amato davvero"; Ciao sono Vale con "Tutto ciò che vuoi"; Elasi con "Valanghe"; Lorenzo Lepore con "Futuro"; Luk con "Lune storte"; Mille con "La radio"; The Jab con "Giovani favolosi". Gli otto vincitori si esibiranno tutti venerdì 18 giugno e il voto del pubblico dello Sferisterio designerà poi le quattro proposte che accederanno alla finalissima di sabato 19 giugno. Oltre al Premio di 20 mila euro che andrà al Vincitore assoluto del Festival, tra i vari riconoscimenti, c’è anche quello dell’ambita targa della Critica intitolata da quest’anno a Piero Cesanelli, l’ideatore di 
Musicultura e suo direttore artistico dalla prima edizione fino al 2019. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA