Il gala Giuseppe Di Stefano apre il Festival lirico dei Teatri di pietra. E il 4 agosto prima mondiale del sequel della Cavalleria Rusticana

Il gala Giuseppe Di Stefano apre il Festival lirico dei Teatri di pietra. E il 4 agosto prima mondiale del sequel della Cavalleria Rusticana
4 Minuti di Lettura
Venerdì 23 Luglio 2021, 19:16

Dallo splendido teatro antico di Taormina al teatro greco di Siracusa, dalla Valle dei templi di Agrigento al teatro greco di Tindari, dal parco archeologico di Piazza Armerina alle mura Timoleontee di Gela, dall'anfieatro di Centuripe al Castello Motta di Santa Anastasia. E non solo: sono tanti altri i teatri di pietra che accoglieranno da domani, sabato 24 luglio, il “Festival Lirico Teatri di Pietra” 2021 con una programmazione artistica prestigiosa che vede la partecipazione di star del panorama lirico nazionale e internazionale. Prestigiosi i  patrocini, tra cui spiccano quello del Parlamento Europeo, del Presidente del Senato e del Presidente della Camera: quest'anno poi il festival ha ottenuto il prestigioso marchio Effe Label, che viene dato ai festival più prestigiosi d'Europa. Il fil rouge dell'edizione è il tema dell’incontro, quel contatto che ci è stato negato a causa della pandemia, ma di cui tutti abbiamo bisogno. E’ questa la mission della terza edizione del “Festival Lirico dei Teatri di Pietra”: trasmettere la bellezza dell’arte e della cultura per favorire la ricchezza dell’incontro e del confronto tra le persone e le proprie identità.

Si comincia con il Gran Gala di apertura nel ricordo di Giuseppe Di Stefano, uno dei più grandi tenori del 900 a cui il Festival, in occasione del centenario della sua nascita, dedica un concerto che si terrà a Piazza Castello di Motta Santa Anastasia, sua città natale. Nel pomeriggio si svolgerà anche una tavola rotonda, sempre in suo nome, con la partecipazione di alcuni importanti musicologi che discuteranno sull'immenso lascito artistico del grande cantante lirico siciliano. L'evento diretto da Francesco Costa e presentato da Giuseppe Montemagno, vedrà la partecipazione del Coro Lirico Siciliano e del giovane e talentuoso tenore Enea Scala, che riceverà per l'occasione, anche il prestigioso Premio Internazionale Giuseppe Di Stefano. Durante il concerto saranno eseguite alcune delle più belle pagine tratte da La Traviata, Il Trovatore, Macbeth, Nabucco, La Figlia del Reggimento, oltre alle indimenticabili romanze che hanno reso ancor più celebre il Maestro nel mondo .

La serata di Gala è anche l’occasione per anticipare i primi importanti eventi del Festival come lo spettacolo Cavalleria Rusticana più sequel, dodici anni dopo, che debutterà il 4 agosto alle ore 21 nella straordinaria cornice del Giardino Vincenzo Bellini di Catania, riportando l'opera lirica in questo bellissimo sito dopo oltre un ventennio. Nel cast troviamo figure di grande spicco come Piero Giuliacci e Patrizia Patelmo, diretti dal maestro Filippo Arlia con la regia di Pierfrancesco Maestrini. Nella seconda parte della serata sarà realizzato il sequel di Cavalleria, 12 anni dopo ad opera di Mario Menicagli. In prima esecuzione mondiale potremo sapere cosa è accaduto 12 anni dopo la conclusione del dramma verista di Pietro Mascagni, con l'ingresso di personaggi come Turidduzzu figlio di Santuzza e Turiddu e l'uscita di Alfio di prigione, con la richiesta di perdono alla comunità.

Tanti saranno gli omaggi per ricordare personaggi straordinari come il sommo poeta Dante in occasione del 700mo anniversario della morte, che sarà celebrato il 29 agosto al Teatro Antico di Taormina con la prima esecuzione mondiale del brano "E la bella Trinacria", composto da Marco Frisina sulle parole che Dante dedica proprio all'isola nell'VIII canto del Paradiso

La location Giardino Bellini di Catania il 10 Agosto alle ore 21.00 ospiterà anche la messa in scena dell’opera Maria de Buenos Aires, un omaggio ad Astor Piazzolla per la prima volta allestita in forma completa, con la straordinaria partecipazione dell'attore Alessandro Haber e di Ce Suarez Paz, figlia del violinista storico di Piazzolla e Alberto Munafò Siragusa nel ruolo del Payador. A dirigere l'Orchestra Filarmonica della Calabria sarà Filippo Arlia, mentre la regia è affidata a Giandomenico Vaccari.

Non poteva essere tralasciato il ventennale della scomparsa del grande Maestro Giuseppe Sinopoli, che sarà ricordato martedì 3 agosto nella Cattedrale di Taormina, in collaborazione con Taormina Arte e con la famiglia Sinopoli. Il 6 agosto alle ore 21.00 il Coro Lirico Siciliano farà tappa a Gela, presso le Mura Timoleontee, dove presenterà le più belle romanze d'amore con la straordinaria partecipazione di Mario Venuti.

Una sottolineatura forte del tema dell'incontro. Un incontro fecondo e vitale tra antichità e contemporaneità, tra arte e individui, capace di rigenerare le comunità attraverso l'incanto dello spettacolo. Ripartire, dunque, dal nostro passato, dall’arte, dalla cultura, dalla musica, per ritrovare quella “vicinanza” indispensabile per guardare, con fiducia, a un futuro che è prodigo di speranza e di bellezza.

Per concludere in bellezza, contaminazioni tra pop e lirica con le bellissime canzoni di Franco Battiato che prenderanno vita, in una suggestiva serata evento (presentata da Salvo La Rosa), attraverso le voci di Rita Botto, Fioretta Mari ed Etta Scollo il 13 agosto al Teatro Greco di Tindari e una serie di concerti presso la Rotonda di Avola 31 agosto, il Castello di Donnafugata (26 e 28 agosto), l'Anfiteatro di Centuripe, antistante la tomba di epoca romana che sarà inaugurata per l'occasione (12 agosto) e un omaggio a Ennio Morricone al Teatro Greco di Siracusa (24 agosto).

© RIPRODUZIONE RISERVATA