Modena, in 220mila al concerto leggenda, Vasco: «Non abbiate paura»

Modena, in 220mila al concerto leggenda, Vasco: «Non abbiate paura»
di Marco Molendini
4 Minuti di Lettura
Domenica 2 Luglio 2017, 01:16 - Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 12:39

MODENA Vasco Rossi supershow a Modena. Una sera da non dimenticare per il rocker del consenso che festeggia quarant'anni di storia nella musica. Quattro decenni raccontati con le sue canzoni in uno spettacolo di colori, di suoni prepotenti, di immagini, di rimandi alla memoria che hanno sempre la loro dannata forza, di canzoni, di provocazioni e sberleffi.
 

 


Il bad boy che resta senza fiato quando entra in scena e si trova davanti un mare di duecentoventimila persone che accoglie così:«Benvenuti nel concerto che non finirà mai, nella leggenda, nel record mondiale». Record mondiale di spettatori paganti e non dimentica di ricordarlo, ma anche avvenimento fuori misura, per l'attesa (diventata un crescendo) ma anche per le preoccupazioni. Invece è andato tutto bene (salvo l'uscita finale, tutti insieme, con l'inevitabile ingorgo infernale) e Vasco, vestendo i panni del vecchio saggio, ha voluto ricordare anche questo al suo popolo: «Il nemico non è l'odio è la paura. Voi siete qui, avete sfidato la paura».

Tre ore e mezza formato gigante, confezionate quasi con gusto cinematografico, con quel bellissimo schermo che ha rimandato le immagini del Blasco, ingigantendole a dismisura per il pubblico disseminato lungo cinquecento metri. Lo schermo è stata una delle dieci cose belle della serata. Le altre elenchiamole così. La seconda è stata il suono, perfetto in ogni angolo del parco. La terza il palco, elegante, funzionale, avvolgente. La quarta, la sapienza di Vasco gran amministratore di sé, della sua voce, del suo carisma di cui ha fatto sfoggio, del suo essere gigione e ironico allo stesso tempo, del sapersi gestire con la maestria dell'attore consumato.

La quinta, le ballate, i pezzi morbidi, dalla medley acustica, con una splendida Va bene, va bene, e poi Ogni volta, a Anima fragile, un gran momento con Gaetano Curreri che, come un tempo, lo ha accompagnato al piano, Vivere, dove Vasco è riuscito a dare il meglio della sua oratoria musicale. Il sesto (ma forse il primo in ordine di tempo), il gran finale che ha messo in fila il meglio della sua storia, da Sally, a Un senso, a Vita spericolata, bella nella versione solo per piano e voce, Albachiara. Il settimo, quella prima immagine del concerto: un sole gigantesco proiettato sugli schermi che sorge mentre gli altoparlanti diffondono Così parlò Zaratustra.

L'ottavo, gli sberleffi: quello che sa un po' di vecchie storie contro l'antiproibizionista modenese Carlo Giovanardi, mentre canta Non mi va (e citandolo si tocca il lato b) e quello più icastico, con un flahmob di reggiseni e ragazze che li sventolano e poi sventolano le loro tette davanti alle telecamere di Rai 1.

Il nono l'arrivo in elicottero, da superstar, (il suo quartier generale è stato in questi giorni nel felliniano Grand Hotel di Rimini), uno sguardo alla situazione e la frase: «Bene, il locale è pieno». Dieci: non finisce qua. Assicura Vasco. Intanto qualcosa è già in cottura: il dvd del grande evento modenese che uscirà a Natale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA