"Mezzo secondo", testo e significato della canzone di Gazzelle

Nel testo romanticismo e nostalgia si abbracciano per raccontare qualcosa che poteva essere e non è stato ma rimane un rimpianto

"Mezzo secondo", testo e significato della canzone di Gazzelle
2 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Maggio 2024, 13:55

Gazzelle torna con "Mezzo secondo", il nuovo singolo che sarà una delle hit dell'estate. Il brano parla di un amore senza tempo ed è prodotto da Federico Nardelli. Nel testo romanticismo e nostalgia si abbracciano per raccontare qualcosa che poteva essere e non è stato ma rimane un rimpianto.

“Mezzo secondo”, testo della canzone di Gazzelle

Presentato all’Arena di Verona alla fine del suo concerto, "Mezzo secondo" è un brano che parla di un amore senza tempo. 


Sei bella come Kurt Cobain
Hai sogni così grandi che starebbero benissimo coi miei
Ti guardo da lontano
Mentre mangi un gelato e vorrei
Essere quello che l’ha inventato
E abbiamo perso
I giorni, i mesi, gli anni
A pensarci e ripensarci
Ma quante stupidaggini
Scappo da quel ricordo
Come un posto di blocco
Come se avessi dietro un mostro
E non importa come
E non m’importa dove
Lo sai meglio di me

Che siamo troppo belli
Troppo matti
Per dividerci la vita
La casetta
La collina
La scogliera tutta nostra
Come un anno fa
E un bacio sulle dita
Una dozzina e una mattina
E poi tu te ne vai via
Via, via, via, via, via
Come la nostalgia
Come una notte stellata
Come la volta che
Non ti ho più rincontrata
Come una sera d’agosto
Durata mezzo secondo
Come noi due

Mi sa che è vero che il tempo gira più veloce
Quando le brutte persone se ne vanno via
Quando distruggono tutto il mondo in due parole
E poi nascondi quel buco sotto un tappetone
Abbiamo perso il meglio dei vent’anni
A pensarci e ripensarci
Forse era meglio darci
(può darsi)
Scappo da quel ricordo
Nemmeno me ne accorgo
Ho sistemato, tutto a posto
E non importa come
E non m’importa dove
Lo sai meglio di me

Che siamo troppo belli
Troppo matti
Per dividerci la vita
La casetta
La collina
La scogliera tutta nostra
Come un anno fa
E un bacio sulle dita
Una dozzina e una mattina
E poi tu te ne vai via
Via, via, via, via, via
Come la nostalgia
Come una notte stellata
Come la volta che
Non ti ho più rincontrata
Come una sera d’agosto
Durata mezzo secondo
Come noi due
Come noi due
Che siamo
Che siamo troppo belli
Troppo matti
Per dividerci la vita

© RIPRODUZIONE RISERVATA