Maneskin rinviano i concerti, da Achille Lauro a Springsteen ecco le date rinviate e cancellate

Achille Lauro
di Leonardo Jattarelli
6 Minuti di Lettura
Martedì 25 Gennaio 2022, 15:23

Dopo la “rivoluzione” della date dei Maneskin, costretti a rinviare il loro fantastico Tour europeo per le restrizioni dovute al Covid-19, saltano all’occhio i tanti rinvii degli appuntamenti musicali per questo inizio 2022 che riguardano tante band e cantanti italianai e stranieri.

I Maneskin annullano il tour 2022 per Covid: «Siamo mortificati». Gli show rimandati e quelli confermati


L'annuncio dei Maneskin

È «con profondo rammarico» che i Maneskin hanno annunciato il posticipo delle date del loro tour europeo “Loud Kids on Tour ‘22” e, quindi, anche del tour italiano. A causa della concreta impossibilità di esibirsi in ogni Paese secondo il programma del tour, e dal momento che alcuni di essi stanno ancora affrontando le restrizioni per contrastare la pandemia, è diventato difficile rispettare impegni e tempistiche del tour come inizialmente pianificate. I possessori dei biglietti riceveranno un aggiornamento sulle nuove date entro il 1 marzo. In un post sui social che annuncia il posticipo del tour, i Maneskin hanno scritto: «Ciao a tutti, siamo molto dispiaciuti di comunicarvi che dobbiamo rimandare l’intero tour a causa della situazione Covid. Siamo estremamente dispiaciuti. Abbiamo lavorato a lungo per questo tour e tutto era pronto per partire, ma sfortunatamente negli ultimi giorni abbiamo avuto brutte notizie in merito alle regole delle capienze nei locali. Non possiamo garantire tutti i concerti perché ogni Paese ha le sue regole, e dobbiamo attenerci a questo, ovviamente, perché vogliamo che i nostri concerti si tengano in totale sicurezza per tutti...Dobbiamo solo resistere, ma torneremo, lo giuriamo, e sarà ancora più bello. Grazie ragazzi, vi amiamo!». 

Gli altri rinvii

Come detto, la situazione è complicata un po’ per tutti: stando al sito www.ticketone.it che monitora tutte le date dei concerti italiani e stranieri, ecco che salta all’occhio il posticipo degli YES, il cui tour  è stato nuovamente posticipato, 28 aprile 2020 Milano, Teatro Dal Verme, inizialmente posticipato al 16 aprile 2021, è stato rinviato a lunedì 16 maggio 2022 e quello del 29 aprile 2020 Roma, Auditorium Conciliazione, inizialmente posticipato al 17 aprile 2021, è stato rinviato a martedì 17 maggio 2022.
Stesso discorso per Caparezza: 6 maggio 2022 Jesolo (VE) - Palainvent recupero del 19 febbraio 2022 - 18 maggio 2022 Bari - Palaflorio recupero del 18 marzo 2022 - 23 maggio 2022 Napoli - Palapartenope recupero del 16 marzo 2022 - 29 maggio 2022 Roma - Palazzo dello Sport ,recupero dell’11 marzo 2022.
Il concerto dei KISS previsto all’Arena di Verona il 13 Luglio 2020, inizialmente posticipato al 12 Luglio 2021, è stato nuovamente rinviato a lunedì 11 Luglio 2022, stessa location e ora. I biglieti già acquistati per il 2020 e 2021 rimangono validi per la nuova data del 2022, senza doverli sostituire. Discorso analogo per Rocco Hunt, rinviato a Sabato 5 marzo 2022 il suo concerto romano all’Atlantico.  Nuova data sabato 19 Febbraio 2022 presso lo Zoppas Arena di Conegliano (TV) per i Pinguini Tattici Nucleari e così anche Brunori Sas il cui concerto al Palazzo dello Sport di Roma è stato rinviato a martedì 5 Aprile 2022.

Tra i tanti, ancora Achille Lauro (doveva esibirsi inizialmente il 31 ottobre 2020 a Roma, Palazzo dello Sport, poi posticipato al 30 ottobre 2021 e ancora rinviato a Sabato 28 maggio 2022), Mannarino, De Gregori, Sferaebbasta, Gemitaiz, Ozzy Osbourne, Subsonica, Tommaso Paradiso, Gianna Nannini, Edoardo Bennato e Mahmood.

I FUGEES


Lo scorso anno Lauryn Hill, Wyclef Jean e Pras Michel avevano annunciato un Reunion tour dei Fugees. L’occasione era quella di celebrare il 25mo anniversario di The Score, pietra miliare dell’hip-hop e disco cardine dei 90s. Il tour mondiale avrebbe segnato il ritorno sui palchi del trio a 15 anni dall’ultima volta, ma dopo un’iniziale programmazione, le date fissate tra novembre e dicembre erano state spostate a quest’anno a causa del perdurare della pandemia. Di queste ore la notizia della cancellazione definitiva di tutti gli show. «Comprendiamo il disappunto di tutti voi ma il tour non ci sarà - ha scritto la band -. La pandemia da Covid ha reso l’andare in tour una cosa complicata. E’ essenziale sia per noi che per i nostri fan che siano garantiti dei livelli di sicurezza. L’idea era quella di celebrare “The Score” per i suoi 25 anni ma stando così le cose non sembra il momento giusto per rivisitarlo. Siamo orgogliosi della serata che abbiamo potuto condividere con alcuni di voi a New York, in quel raro momento live. Se in futuro si dovessero ripresentare le condizioni per un recupero delle date ci rivedremo.

PUSSYCAT DOLLS
Anche Il previsto reunion tour delle Pussycat Dolls è stato ufficialmente cancellato. A dare l’annuncio è stata Nicole Scherzinger, la cantante della band, attraverso il suo personale account Instagram. La motivazione sarebbe legata all’aumento dei casi di Covid-19 nel mondo. Successivamente, però, dopo le parole della Scherzinger, in una dichiarazione congiunta sulle loro storie di Instagram durante il fine settimana, Carmit Bachar, 47 anni, e Jessica Sutta, 39 anni, hanno insistito sul fatto che per loro l’aggiornamento era una novità e che si sentivano “deluse” da come l’hanno scoperto.

BRUCE SPRINGSTEEN
Anche il sogno di un concerto ferrarese di Bruce Springsteen sembra sul punto dileguarsi. E il risveglio è dei più bruschi. Tour europeo 2022 annullato. O meglio, nemmeno annullato, perché ancora non c’era nulla di scritto nero su bianco. Il risultato non cambia. Una doccia gelata per chi stava già pregustando gli accordi e la voce del Boss nel verde del parco Urbano.
Se i rumors delle scorse ore dovessero trovare conferma, nessuno su questa sponda dell’Atlantico sentirà dal vivo "Born in the Usa", "The river" e gli altri successi del rocker statunitense. Nemmeno i ferraresi. A dare il via è stato un tweet di Stevie Van Zandt, musicista della E Street Band (il gruppo di Springsteen) e tra i primi e più stretti collaboratori del Boss. Van Zandt ha risposto al “cinguettio” di un fan che chiedeva lumi sulla cancellazione del tour 2022. La risposta dell’artista non è stata diretta, ma non ha lasciato molto spazio alle interpretazioni. «Non c’è mai stato un tour ufficiale annunciato, perciò non ha alcun bisogno di essere cancellato» ha twittato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA