Madame, testo e significato di “Voce”: la canzone di Sanremo 2021

Madame, testo e significato di Voce : canzone Sanremo 2021
4 Minuti di Lettura
Martedì 2 Marzo 2021, 11:48 - Ultimo aggiornamento: 7 Marzo, 00:21

Al Festival di Sanremo è la big in gara più giovane di quest'edizione, la diciannovenne Madame (nome d'arte di Francesca Calearo), stella emergente dell'hip hop e talento musicale versatile, che in poco più di due anni ha dato prova di sapersi muovere con personalità fra contaminazioni di generi e sfide. Con all'attivo collaborazioni con artisti come Marracash ('L'anima'), Negramaro, per 'Non è vero niente' e Fabri Fibra per Il mio amico (prima in radio per la seconda settimana consecutiva), la giovane artista dopo il Festival ha in uscita, il 19 marzo il suo primo album, 'Madame' (Sugar).

Madame, in gara a Sanremo 2021

Significato della canzone

Il brano tende a definire se stessa e la sua personalità. La voce diventa anche un lascito, una testimonianza della propria esistenza, un ricordo da mantenere e trasmettere tra 100 anni. E poi la ricerca di se stessi in ogni angolo, per cercare la propria definizione, la propria identità. Un brano che scava a fondo senza aver paura di farlo, mostrando immagini personali mascherate dai concetti.

testo della canzone "Voce"

Mi ricordo di te
Ricordo i mille giri sulle giostre su di te
Ho fatto un’altra canzone
Mi ricorda chi sono
Ho messo un altro rossetto sopra il labbro superiore
Negli occhi delle serrande si stenderanno e io sparirò
L’ultimo soffio di fiato e sarà la voce ad essere l’unica cosa più viva di me
Voglio che viva a cent’anni da me
Fumo per sbarazzarmi di lei
Ma torna da me

Dove sei finita amore
Come non ci sei più
E ti dico che mi manchi
Se vuoi ti dico cosa mi manca
Adesso che non ci sono più
Adesso che ridono di me
Adesso che non ci sei più
Non so se
Ti ricordi di me
Quanto bello abbracciarti
Che mi mancavi tanto
Sarà bello abbracciarti
Dirti mi sei mancata
In un bosco di me

C’è un rumore incessante
E lo faccio da parte
Tu sei la mia voce
Mi ricordo di te
Mi vedevano ridere sola
Ma eri te
Ho baciato un foglio bianco
E la forma delle mie labbra
Ha scritto da dove nasci tu e che non morirai e se
Negli occhi delle serrande si stenderanno e io sparirò
L’ultimo soffio di fiato darà la voce a quella che è l’unica cosa più viva di me
Voglio che viva a cent’anni da me
Perché in giro mi chiedon di me
E mi chiedo di te anch’io

Dove sei finita amore
Come non ci sei più
E ti dico che mi manchi
Se vuoi ti dico cosa mi manca
Adesso che non ci sono più
Adesso che ridono di me
Adesso che non ci sei più
Non so se
Ti ricordi di me

Quanto bello abbracciarti
Per sentirti un po’ a casa
Sarà bello abbracciarti
Dirti mi sei mancata
In un bosco di me
C’è un rumore incessante
E lo faccio da parte
Tu sei la mia voce

Baby ne ho fatte
Baby ne ho fatta di strada
Baby ti ho cercato in ogni dove
Nelle corde di gente che non conosco
Ma infondo bastava guardarsi dentro più che attorno
Sei sempre stata in me e non me ne rendevo conto

Dove sei finita amore
Come non ci sei più
E ti dico che mi manchi
Se vuoi ti dico cosa mi manca
Adesso che non ci sono più
Adesso che ridono di me
Adesso che non ci sei più

Io so che
Ti ricordi di me
Perché è bello abbracciarmi
Per sentirti un po’ a casa
Ti ricordi le notti
Che urlavamo per strada
Ma nel bosco di me
Ora siamo tornate
E per sempre sarà
Che tu sei la mia voce
E noi siamo tornate
E per sempre sarà
Sì per sempre sarà
Che tu sei la mia voce

© RIPRODUZIONE RISERVATA