Lo Stato Sociale e il singolo “Facile”, inno alla collettività

Venerdì 25 Maggio 2018
Il gruppo Lo Stato Sociale
È in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “Facile”, il nuovo singolo e video de Lo Stato Sociale tratto da “Primati”, in un’inedita versione cantata esclusivamente dai ragazzi della band. Facile parla di stare bene con una persona. Parla di prendere il meglio da chi ti sta accanto, è una canzone che racconta come insieme la vita possa diventare improvvisamente più leggera, senza mai diventare superficiale o priva di significati. Nella canzone l’altro è visto come una possibilità di libertà; come un luogo di protezione in cui è possibile essere fragili senza che sia una cosa negativa.

«L’idea del video è di fare festa perché insieme si sta bene; ci si diverte, si risolvono i problemi e la vita è più facile. Il senso del pezzo è questo, non è una canzone d’amore, o almeno, non è solo una canzone d’amore. Il “con te” del ritornello è riferito alla collettività, agli altri, in un senso non esclusivamente romantico» racconta la band. Per parlare di questo desiderio di condivisione, nel video ufficiale su Vevo, diretto da Davide Spina e Matteo Bombarda, i ragazzi prendono d’assalto Bologna su un autobus turistico a due piani in una sorta di festa itinerante che loro definiscono «un’invasione di presa bene».

I ragazzi hanno suonato circondati dai fan. Il risultato è a metà fra un flashmob e un concerto mobile per le vie di Bologna. La festa è terminata in Piazza Maggiore dove i musicisti sono stati raggiunti da 500 fan per un abbraccio collettivo e un’ultima cantata. In questo brano Lo Stato Sociale fonde una scrittura cantautorale a delle sonorità anni '90 e il risultato è una canzone quasi estiva distante dalle più classiche «regole» del tormentone. Nell’ arrangiamento e la produzione del brano è stato fondamentale l’apporto di Fabio Gargiulo, produttore e amico, che ha ha interpretato la loro voglia di essere sempre diversi. “Facile” anticipa la partenza della tournée estiva dei regaz nelle principali rassegne musicali del nostro paese; 5 feste davvero speciali di oltre due ore, piene di contenuti inediti e brani che la band non suonava da tempo e che torna a riabbracciare il proprio pubblico.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti