Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lele Spedicato, le prime parole del chitarrista dei Negramaro dopo il malore: «Grazie di avermi travolto d'affetto»

Lele Spedicato, le prime parole del chitarrista dei Negramaro dopo il malore: «Grazie di avermi travolto d'affetto»
2 Minuti di Lettura
Martedì 27 Novembre 2018, 11:38 - Ultimo aggiornamento: 12:04

Lele Spedicato, chitarrista dei Negramaro, ha parlato per la prima volta ai fan dopo l'emorragia cerebrale che lo ha colpito oltre due mesi fa. Giuliano Sangiorgi, cantante e leader della band salentina, ospite dell'evento Vanity Fair Stories, ha infatti riprodotto un messaggio vocale in cui Lele Spedicato ha ringraziato tutti per i messaggi di solidarietà ricevuti dal 17 settembre a oggi.

Fedez e l'addio a J-Ax: «Ho scoperto cose non piacevoli dopo il live di San Siro»



Non solo i fan più accaniti dei Negramaro, ma tutta l'Italia è rimasta a lungo col fiato sospeso per le sorti di Lele, che durante il ricovero è anche diventato papà del piccolo Ianko, avuto dalla moglie, Clio Evans. «Ciao ragazzi, vi mando un caloroso e affettuoso abbraccio per ringraziarvi di tutto quell’amore che mi avete donato in questi ultimi due mesi» - il messaggio audio di Lele Spedicato diffuso durante l'evento - «Volevo solo dirvi che è arrivato tutto, mi ha travolto e mi ha sostenuto e vi ringrazio con tutto il mio cuore di così tanto affetto. Grazie, grazie, grazie, spero a presto». Il chitarrista dei Negramaro, dopo la grande paura, è ancora convalescente e sta affrontando un lungo percorso di recupero.



Se il messaggio di Lele Spedicato ai fan è stato emozionante, anche quanto dichiarato da Giuliano Sangiorgi durante Vanity Fair Stories è stato altrettanto commovente: «Ritrovare Lele è stato come tornare a respirare dopo un’apnea. Appena lui ha mosso la mano noi abbiamo ritrovato una famiglia. E adesso non vediamo l’ora di continuare a raccontarci di amore e di vita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA