L'Accademia chigiana incontra il suono del nostro tempo: 60 eventi

Sabato 14 Aprile 2018 di Simona Antonucci
Salvatore Sciarrino
Sessantadue concerti ed eventi musicali: ritorna a Siena e nei luoghi più suggestivi delle Terre senesi, dal 6 luglio al 31 agosto, il Chigiana International Festival & Summer Academy. Con la direzione artistica di Nicola Sani, il festival include nella propria programmazione l’ottantaquattresima edizione dell’accademia estiva chigiana di alto perfezionamento musicale.

La grande tradizione incontra il suono del nostro tempo: questo il cuore della manifestazione che viaggia dal Barocco al XXI secolo, con giovani talenti e grandi star della scena musicale internazionale. Una maratona di suoni in cui la grande maggioranza della programmazione è il risultato di nuove produzioni realizzate in esclusiva dall’accademia attraverso le sue attività formative. Per la prima volta, formazione, produzione e grande spettacolo diventano una cosa unica.

Così i più celebri interpreti di oggi interagiscono tra di loro e con i giovani talenti, i corsi diventano laboratori in cui nascono nuove idee in sinergia tra giovani provenienti da oltre 40 paesi del mondo. In calendario un focus su Karlheinz Stockhausen, nel 90° anniversario della nascita, e l’incontro con il compositore Salvatore Sciarrino che presenta tre conferenze sul suono e sul tempo, con special guest Irvine Arditti e il Quartetto Arditti.

Ma l’Accademia diventa anche spettacolo: masterclass a porte aperte, formazioni inedite con i grandi solisti, con la partecipazione dell’Orchestra della Toscana, l’Orchestra Giovanile Italiana, il Quartetto Prometeo, il Chigiana Percussion Ensemble, il Coro della Cattedrale “Guido Chigi Saracini”, l’Orchestra dei Conservatori della Toscana. E un sound design lab per il live electronics con i giovani talenti provenienti da tutto il mondo. Il 27 aprile la Chigiana sbarca a Pechino, grazie alla collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma e i turisti ignoranti

di Pietro Piovani