Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

John Lennon, negata la libertà vigilata all'assassino Mark Chapman

John Lennon, negata la libertà vigilata all'assassino Mark Chapman
2 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Agosto 2018, 15:50

Negata di nuovo la libertà vigilata a Mark David Chapman, l'assassino di John Lennon. È la decima volta che le autorità di New York rifiutano la richiesta dell'uomo che l'8 dicembre del 1980 uccise l'ex Beatle di fronte al Dakota Building di New York, dove il musicista viveva insieme a Yoko Ono. Il rilascio di Chapman è stato giudicato «incompatibile con il benessere e la sicurezza della società».

Il killer di Lennon, che oggi ha 63 anni, sta scontando 20 anni di reclusione nel Wende Correctional Facility, il carcere di massima sicurezza dello Stato di New York. Nelle motivazioni della decisione del 'Board of Parolè, la struttura preposta a valutare le richieste di libertà vigilata, si legge che rilasciare Chapman, non solo «tenderebbe a mitigare la gravità del crimine commesso», ma «potrebbe costituire un serio rischio per la sicurezza pubblica, perché potrebbe indurre qualcuno ad emulare il gesto, spinto da odio o desiderio di vendetta, oltre che dalla ricerca di notorietà». Chapman potrà presentare una nuova istanza per la libertà vigilata nel 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA