Inti-Illimani, il ritorno in Italia del gruppo cileno: dal 13 marzo cinque date (il 17 a Roma)

Il tour supporta le attività di Amnesty International Italia, il festival Voci per la Libertà e, nello specifico, la campagna di sensibilizzazione a tutela dei migranti

Inti-Illimani, il ritorno in Italia del gruppo cileno: dal 13 marzo cinque date (il 17 a Roma)
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Dicembre 2021, 20:55

Grande ritorno in Italia degli Inti-Illimani. Il gruppo cileno inizierà a marzo un tour con cinque appuntamenti; uno anche a Roma. I cinque appuntamenti live del "Vale la pena tour" saranno in collaborazione con Amnesty Internation Italia.

Le nuove date

Concerti a sostegno dei diritti umani e a tutela dei migranti quelli in programma nel nuovo tour degli Inti-Illimani. Asse Italia-Cile quindi per un atteso ritorno. Gli Inti-Illimani, storico gruppo cileno, torneranno in Italia a marzo 2022, nei teatri con il cantautore Giulio Wilson, per cinque date all’insegna della parola “unità”: unione tra artisti, idee, parole e suoni, uomini e umanità, per il "Vale la pena tour" in collaborazione con Amnesty International Italia.

Una proposta musicale inedita, quella degli Inti-Illimani e Giulio Wilson, per uno spettacolo che rinnova le passioni di sempre e che conquisterà anche i più giovani. La musica viaggia oltre i confini nella direzione di un mondo in cui si possano rispettare il confronto tra gli uomini, il dialogo, la libertà umana, la “vita come una sorpresa”, come si canta nel singolo “Vale la pena” (del cantautore toscano con gli Inti-Illimani) da cui è nata questa bellissima storia e che, tra pochi mesi, attraverserà in tour l’Italia.

Le tappe

Il 13 marzo il tour farà tappa a Salsomaggiore Terme (Teatro Nuovo); il 14 marzo a Firenze (Tuscany Hall); il 15 marzo a Bologna (Teatro Duse), poi il 17 marzo a Roma (Auditorium Parco della Musica, Sala Sinopoli) e infine il 18 marzo a Carpi (Teatro comunale).

La collaborazione con Amnesty

Il tour supporta le attività di Amnesty International Italia, il festival Voci per la Libertà e, nello specifico, la campagna di sensibilizzazione a tutela dei migranti. «Siamo lieti e riconoscenti per questa collaborazione, che rinnova un importante legame tra musica e diritti umani e che siamo certi contribuirà a sensibilizzare il pubblico sulle campagne che accompagneranno le cinque tappe», così Riccardo Noury, portavoce Amnesty International Italia.

Sanremo 2022, Mengoni ospite fisso: la mossa a sorpresa di Amadeus

Il brano

“Vale la pena”, brano scritto da Wilson e cantato insieme agli Inti-Illimani, è stato registrato a Santiago del Cile durante le proteste popolari scaturite il 7 ottobre 2019 contro l’aumento del carovita e la corruzione.

Uscita in doppia versione, in italiano e in spagnolo, “Vale la pena” è una delle 13 tracce che compongono l’ultimo disco del cantautore, dal titolo “Storie vere tra alberi e gatti”. «È un grande piacere aver scritto un brano assieme a degli artisti che hanno segnato la storia della musica mondiale. Presentarlo con loro, dal vivo in teatri prestigiosi è un vero onore. Vale la pena non ha confini e contiene uno slogan universale e di speranza, dedicato a tutti» spiega Giulio Wilson a tal proposito.

Tiziano Ferro, il tour riprogrammato al 2023: le nuove date dei concerti slittati per Covid

© RIPRODUZIONE RISERVATA