Grigolo: «Amplifichiamo la lirica perché le orecchie di oggi non sono più quelle di una volta»

Giovedì 2 Aprile 2020
Il tenore Vittorio Grigolo

«L'opera lirica oggi va amplificata sia quando la si esegue nei luoghi all'aperto, come l'Arena di Verona, sia nei grandi teatri. E non è un problema di voci, ma di orecchie, che non sono più quelle di una volta, ma sono devastate dall'inquinamento acustico».

È la proposta provocatoria del tenore Vittorio Grigolo che sostiene una tesi «che non piacerà ai melomani», avverte lui stesso. «Ma - sottolinea - se vogliamo avvicinare i giovani a questo genere musicale, serve amplificarlo, perché le orecchie moderne sono abituate a quantità di decibel sconosciute a quelle dei nostri nonni. Oggi i giovani sentono la musica a volume alto, nelle macchine hanno amplificazioni potenti, le città sono rumorosissime. Quando li porti in teatro, dicono che non si sente nulla. E non è un problema di voci, del fatto che non ci sono più i Caruso o i Gigli. È proprio una questione di orecchie non più abituate alle “carezze. Amplificando l'opera si andrebbe incontro all'esigenza dei giovani».

Grigolo, che ha debuttato a 13 anni nel ruolo del pastorello in Tosca con Luciano Pavarotti all'Opera di Roma, coach per la scorsa edizione del talent Amici, è stato il primo tenore a cantare due titoli su due palcoscenici del tutto inediti: Traviata nella stazione centrale di Zurigo nel 2008 e L'elisir d'amore all'aeroporto di Malpensa nel 2015. «L'abbiamo fatto per avvicinare la gente di passaggio, moltissimi si sono appassionati e sono rimasti lì a sentire la musica. Se i media danno poco spazio alla grande musica - conclude - bisogna trovare delle strade per insegnare ai giovani ad amarla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani