Giusy Ferreri, esce dopo tre anni il nuovo album di inediti concepiti a Los Angeles

Giusy Ferreri
4 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Marzo 2014, 16:00 - Ultimo aggiornamento: 29 Marzo, 22:02

A distanza di tre anni dall’ultimo progetto discografico e dopo aver partecipato alla 64esima edizione del Festival di Sanremo, esce “L'attesa”, il nuovo album di inediti di Giusy Ferreri (su cd e negli store digitali).

Giusy Ferreri ha trascorso gli ultimi due anni cercando nuovi spunti per questo album. La maggior parte dei brani che compongono il disco sono scritti dalla stessa Giusy e sono nati da tre sessioni creative differenti: una dall’esperienza e dalla condivisione creativa con Linda Perry nel suo studio a Los Angeles, una dal confronto creativo con il produttore israeliano Yoad Nevo a Londra e una in Italia dall’incontro con Roberto Casalino ed Ermal Meta.

L'artista ha raccontato come è e stata la genesi del nuovo lavoro: «Durante il 2012 ho deciso di investire sul mio percorso artistico, di affrontare una crescita e una ricerca musicale e tornare così con un nuovo repertorio. Ed è proprio in quei mesi che ho avuto degli incontri e delle collaborazioni importanti: quella con i produttori Linda Perry e Yoad Nevo. Conoscere Linda Perry di persona e poter scrivere con lei era, da sempre, un mio grande desiderio. Linda rappresenta un grande riferimento artistico e sapevo che la sua scrittura melodica avrebbe contribuito a valorizzare le mie caratteristiche vocali. L’ho raggiunta nel suo imponente studio di registrazione Kung Fu a Los Angeles e da subito è iniziato un significativo scambio creativo. Sono stata due volte a Los Angeles ed ogni viaggio l’ho affrontato con l’entusiasmo di vivere un’esperienza di cambiamento, avevo bisogno di rompere con la quotidianità, con i ritmi frenetici degli ultimi anni e di stare un po’ da sola.

Durante quei giorni cosi intensi sono nati brani come: “L’Anima”, un invito a prendere in considerazione, con uno sguardo più intimo e attento, il proprio io interiore, le persone e le cose che ci circondano; “Per Dare di Più” è un sollecito ad aprirsi, non solo verso se stessi ma anche verso il mondo, un’apertura che ci stimoli a sentirci nuovi e rinati, a metterci in gioco; “Victoria” è la storia di un personaggio immaginario che vive a modo suo il concetto di libertà e che, restando a testa in giù (è un’acrobata), crede di poterne ottenere un diverso e nuovo punto di vista. Per questa storia mi sono ispirata allo stile di vita circense dopo aver conosciuto tre sorelle acrobate (Iglis, Seyla, Sandy Rossi) che mi hanno insegnato l’arte dei tessuti aerei, il triangolo e il cerchio aereo».

«Qualche mese dopo l’esperienza americana - ha proseguito - ho ricevuto, con mia grande sorpresa, una mail di Yoad Nevo (produttore di Morcheeba, Moby, Sugababes) che mi chiedeva di incontrarmi. Ho organizzato così un viaggio a Londra per andare nel suo studio di registrazione, il Nevo Sound. Con lui è stata immediata empatia, Yoad ha una spiccata sensibilità e mi ha proposto subito di improvvisare qualcosa in studio e di cercare nuove sonorità per creare un repertorio meno tradizionale. Quel pomeriggio sono nati 7 brani, eravamo magicamente ispirati. Il primo è stato “Ho Ucciso Il Diavolo” (ghost track de “L’Attesa”) e quello sul disco è proprio il provino originale, interamente suonato da Yoad.

“L’attesa” è il primo album del nuovo contratto discografico di Giusy Ferreri stipulato con Sony Music: Il disco è prodotto da Christian Rigano e Pino Pischetola con la supervisione di Michele Canova presso il Kaneepa Studio e Pinaxa Studio di Milano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA