Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Red Hot Chili Peppers a Firenze Rocks, è tornato John Frusciante: 62.300 in delirio alla Visarno Arena

Ieri l'unica data italiana della band: raffica di hit

Firenze Rocks, è tornato John Frusciante: un boato per i Red Hot Chili Peppers
di Andrea Andrei
4 Minuti di Lettura
Domenica 19 Giugno 2022, 10:45 - Ultimo aggiornamento: 13:45

FIRENZE - Era un'attesa nell'attesa. Perché chi nel 2019 aveva acquistato i biglietti per l'unica data italiana dei Red Hot Chili Peppers al Firenze Rocks non aspettava solo di rivedere sul palco una delle band più iconiche dopo il tour che nel 2017 la portò a Roma e a Milano, ma di rivederla nella sua formazione originale, con quel John Frusciante alla chitarra che con la sua storia di abbandoni e ricongiungimenti ha addirittura ispirato il titolo di un bestseller di Enrico Brizzi. John Frusciante nel 2019 è tornato - di nuovo - nel gruppo, e 15 anni dopo l'ultima apparizione in Italia è salito ieri sera sul palco della Visarno Arena accolto dall'abbraccio di 62.300 mila fan che, nonostante la lunga assenza (aveva lasciato la band nel 2009) e l'accoglienza riservata in questi anni a Josh Klinghoffer che lo ha degnamente sostituito, hanno dimostrato di non averlo dimenticato, anzi.

Firenze Rocks: Green Day, Muse, Red Hot Chilli Peppers: da oggi a domenica quattro giorni di musica e 180mila fan


ASSOLI


Il boato che accompagna l'ingresso dei RHCP sul palco (ieri, nella terza giornata di Firenze Rocks, il festival organizzato da Live Nation che si chiuderà oggi con Metallica e Greta Van Fleet, sono stati preceduti dal rapper genovese Tedua - non sarà come per i Maneskin con i Rolling Stones, ma anche lui avrà qualcosa da raccontare ai nipoti - e dall'americano Nas) è dedicato soprattutto a lui, che già sull'intro lascia partire uno dei suoi assoli. È lo stesso Frusciante a lanciare le note che scatenano il tripudio di Can't stop, brano di punta di By the way, del 2003. Da allora, la band ha attraversato molte fasi fino ad arrivare a Unlimited Love, album uscito lo scorso 1 aprile e diventato il fulcro di questo tour mondiale (partito da Siviglia il 4 giugno, si concluderà negli Usa a ottobre). Tra queste, anche due dischi con Klinghoffer alla chitarra, I'm with You (2011) e The Getaway (2016). Un periodo di cui nella scaletta del concerto di Firenze però non c'è traccia, ed è un peccato: i brani di The Getaway hanno una gran resa dal vivo.

 


Ma non è il momento di guardare al passato, o meglio a quel passato. Perché questi sono i Red Hot di Frusciante. E allora ecco Dani California e Charlie, che aprono la strada alla prima canzone tratta da Unlimited Love, These Are The Ways: è qui che esplode la linea ritmica dei RHCP, con il basso di Flea che fa da contraltare alla batteria di Chad Smith. Il riff iniziale di The Zephyr Song porta l'arena indietro nel tempo, mentre i Red Hot non smettono di saltare a petto nudo. Arrivano in successione Aquatic Mouth Dance, Snow (Hey Oh).

Firenze Rocks 2022 dal 16 al 19 giugno: sul palco Green Day, Metallica, Muse e Red Hot Chili Peppers

IL GRAN FINALE

«È il momento di rallentare», dice Kiedis a Flea. «Sì, sono stanco», risponde lui. E parte, violentissima, Nobody Weird Like Me, da Mother's Milk del 1989. Eccolo lo spirito dei RHCP: continuare a muoversi come se non fosse mai passato un giorno, anche se la voce di Anthony tradisce una certa fatica. Flea e Frusciante parlano spesso tra di loro, come in una jam session in sala prove. Il pubblico scandisce il nome di John, gli altri membri della band lo applaudono, lui non smette di sorridere. Dopo un assolo, Kiedis va da lui e gli mostra il braccio: «Mi hai fatto venire la pelle d'oca». Parte Whatchu Thinkin', poi il giro di basso iniziale di Otherside solleva un'ovazione. Dopo The Heavy Wing, altro riff e altro boato: è per Californication, che precede uno dei pezzi più riusciti dell'ultimo album, Black Summer. È il momento del gran finale, con la potenza liberatoria di Give It Away e By The Way. Uno show di un'ora e mezza che non poteva che chiudersi con il ritmo nelle ossa e con una consapevolezza: utilizzare termini come ritorno, per i Red Hot Chili Peppers, è impreciso. Semplicemente, non se ne vanno mai.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA